Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Studio sulla sicurezza dei motori di ricerca

McAfee ha reso noti i dati di uno studio in cui si evidenzia che nel complesso, i rischi sono diminuiti del 12%, ma gli annunci sponsorizzati continuano a essere altamente rischiosi. E i siti portatori di malware "Drive-by", sono spaventosamente diffusi.
di a cura della Redazione
McAfee ha reso noto il report a seguito dello studio, condotto a Maggio, che mostra come l’uso dei motori di ricerca continui a essere rischioso per gli utenti che cliccando i link, possono accedere a siti non sicuri. L’indagine, condotta da McAfee SiteAdvisor , ha esaminato i cinque maggiori motori di ricerca americani (Google, Yahoo!, MSN, AOL, Ask) e ha riscontrato che, nel complesso il rischio di accedere ad un sito rischioso è sceso al 12%. Nonostante ciò, i consumatori che si collegano a siti non sicuri sono più di 268 milioni di volte al mese. Lo studio è stato redatto in collaborazione con Ben Edelman, noto ricercatore di spyware e consulente di McAfee.

McAfee attribuisce icone intuitive di colore rosso, giallo o verde ai siti e ai risultati delle ricerche sulla base dei test condotti sui siti coperti dal sistema, che rappresentano il 95% del web navigato. Le valutazioni segnalate in rosso sono assegnate a siti rischiosi che non superano uno o più test McAfee per adware, spyware, virus, exploit, spamming, eccesso di pop-up o legami diretti con altri siti segnalati in rosso. I siti segnalati in verde, invece, hanno superato tutti questi test. Le icone gialle sono assegnate ai siti che, pur avendo passato i test di sicurezza McAfee, hanno degli aspetti negativi che giustificano un avvertimento all’utente.

Tra i principali risultati dello studio:

  • Tutti i motori di ricerca forniscono qualche risultato non sicuro. I risultati delle ricerche con AOL sono i più sicuri con il 3.6% di valutazioni di colore rosso o giallo. In media, il 4.4% dei risultati rimanda a siti a rischio.
  • L’8% dei risultati sponsorizzati sono valutati in rosso o giallo, quasi il triplo rispetto al 3% del totale dei risultati.
  • I termini di ricerca utilizzati da persone adulte hanno probabilità doppia di condurre a risultati non sicuri, rispetto ai termini usati dai minorenni: l’8% dei risultati provenienti da ricerche di persone maggiorenni è valutato in rosso o giallo, contro il 4.1% dei termini usati da minorenni.
  • Il 41.1% delle valutazioni di rischio sono dovute ad accettazioni di e-mail che risultano in spam. I download a rischio e le truffe (come per esempio la vendita di software come i browser Firefox o Internet Explorer che sono gratuiti) rappresentano un quarto dei risultati.
  • Il 3.0% dei risultati delle ricerche contrassegnate in rosso o giallo contiene frodi riguardanti i browser – una minaccia particolarmente seria che può danneggiare il PC una volta che l’utente accede a un sito tramite browser. Solo un terzo dei risultati è considerato rischioso perché contenente link ad altri siti non sicuri. Molti siti, inoltre, mostrano più minacce contemporaneamente.
  • In generale la rischiosità connessa all’utilizzo dei motori di ricerca è calata del 12%, mentre la percentuale dei siti sponsorizzati riportanti valutazioni di colore rosso o giallo è scesa quasi del 6%.
Ricerche a rischio

All’interno delle ricerche più diffuse ma rischiose, le interrogazioni contenenti la parola “free” presentano maggiori probabilità di condurre a siti aventi scopi deplorevoli. Per queste ricerche, il 14.5% dei risultati collega a siti segnalati con in rosso o giallo.

Tra le keyword analizzate con Google Zeitgeist, la categoria più rischiosa riguarda i gadget tecnologici, come ad esempio “ipod nano” “mp3 music downloads”, and “winmx”. Il 23,3% dei risultati di questa categoria porta a siti valutati in rosso o giallo da McAfee. Un'altra categoria a rischio nelle ricerche con Google Zeitgeist riguarda i personaggi preferiti dai bambini (6,7% di risultati a rischio) come “Winnie the Pooh” o “Tweety”.


Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:



A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

SE UN IMPIEGATO APRE UN E-SHOP, MEGLIO L'APPOGGIO DI UN COMMERCIALISTA

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

BIT 2012

La Borsa internazionale del Turismo riapre i battenti con tante importanti novità
Accesso rapido