Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Il progresso non è un mito

Giocare con le cifre non è una consuetudine solo italiana. Ma misurare un fatto sociale ed economico è un'operazione laboriosa e delicata, che richiede chiarezza concettuale e realismo. Essere trasparenti non significa solo essere oggettivi, ma capire che molte variabili della realtà considerate esogene esprimono invece la personale attitudine alle cose. Rendere istituzionale la verifica dei numeri citati può davvero risultare funzionale alla maturazione della sensibilità politica. A patto di riconoscere la natura composita delle grandezze da misurare.
di Mattia Gallotti
Giocare con le cifre non è una consuetudine solo italiana. E' piuttosto una pratica acquisita tra le forze che si candidano alla guida di un paese nelle moderne democrazie mediatiche, ed è trasversale agli schieramenti. (1)

Che fare allora quando i numeri che misurano un fenomeno economico sono radicalmente diversi, stando alle affermazioni politiche? Lavoce.info ha proposto di valutare in dettaglio le dichiarazioni dei politici per verificare se rispondono al vero. Perché non farlo sempre allora, soprattutto quando i riflettori sui dibattiti elettorali si spengono e i politici sono chiamati a mantenere le promesse fatte in campagna? Rendere la verifica sistematica delle cifre un fatto istituzionale avrebbe l'effetto di alimentare una cultura politica matura, basata sul giudizio insindacabile dei fatti. Tuttavia, ci sono aspetti che rendono naturalmente difficile verificare se i "numeri" sono corretti. In altre parole, il problema non è discutere l'oggettività del dato reale per come viene diffuso dalle istituzioni preposte, quanto piuttosto le varie interpretazioni che del dato vengono filtrate da stampa e analisti, per poi essere usate dai politici. Misurare un fatto sociale ed economico è un'operazione laboriosa e delicata, che richiede due ingredienti speciali: chiarezza concettuale e realismo.


Un'idea da misurare

Un ottimo esempio del genere di complessità che si incontrano quando si misura una grandezza nella prospettiva di verificarne eventuali dichiarazioni è rappresentato dalla misurazione del progresso. Da anni l'Ocse è in prima fila nel catalizzare l'interesse globale per una misurazione omogenea e più comprensiva del progresso delle società. Questo spiega come mai il ruolo della ricerca statistica sia più importante che mai.


Come ha scritto su lavoce.infoEnrico Giovannini, ispiratore dell'iniziativa, il ricorso a indicatori certi per verificare e discutere l'esito delle politiche pubbliche giova alla trasparenza del sistema. Ma perché proprio il progresso? Come per altri fenomeno sociali ed economici, l'idea di progresso fa parte di una categoria di concetti che è difficile spiegare in modo sintetico ma esaustivo. Non se ne può certo parlare come di una grandezza reale e indipendente perché, come avviene per tutti gli "oggetti" cosiddetti sociali del nostro mondo, anche il progresso è una creazione della mente umana. Presuppone una prospettiva di giudizio che chiama in causa le ragioni e le esperienze di ciascuno di noi. Se il progresso della comunità globale equivale a un miglioramento generalizzato delle condizioni di vita di ognuno, il rischio è che per alcuni sia progresso quello che per altri ne rappresenta l'esatto contrario.


Ovviamente, il progresso non è soltanto crescita in termini economici, ma dipende da un complesso di variabili sociali, culturali e ambientali che spesso sono considerate più determinanti nel favorire il benessere complessivo della persona. Per misurare e sostenere politiche rivolte a migliorare la qualità della vita bisogna saper cogliere ciò che le persone giudicano prioritario, e nelle società sviluppate questo non coincide più da tempo con beni di tipo materiale. Quando si parla genericamente di crescita, l'indicatore economico-statistico principe è il prodotto interno lordo, misura che è spesso sulla bocca dei politici in particolare durante le campagne elettorali. Ma proprio alla domanda "Che cosa rende più felici le persone?" ha dedicato gran parte della sua recente attività di ricerca Richard Layard della London School of Economics. è un fatto paradossale ma vero, secondo Layard, che le società in cui la ricchezza complessiva aumenta regolarmente siano anche quelle in cui le persone si sentono meno felici. In altri termini, il progresso non si riduce a una sola variabile di riferimento, ma si misura sulla sfera soggettiva così come sulle reali condizioni di vita delle persone.


Una cultura basata sui fatti

Come fare dunque a invertire il trend, aumentando cioè l'efficacia concettuale dei dati in maniera da ridurne la variabilità "interpretativa" specie in sede politica? Per troppo tempo la teoria economica ha giustificato decisioni di politica pubblica destinate a migliorare la qualità della vita senza tuttavia disporre di una analisi del comportamento umano convincente e realistica. Secondo il direttore della Young Foundation di Londra, Geoff Mulgan, la sfida è quella di ancorare le grandezze del cambiamento sociale ed economico, il motore della crescita, alle caratteristiche psicologiche del soggetto.


La difficoltà maggiore, a questo punto, è capire come associare misure oggettive di valore a stati mentali che riflettono idee sulla qualità della vita. La mia idea di progresso, per quanto simile alla tua, può essere sostanzialmente diversa da quella di molte altre persone. In secondo luogo, una volta creato il consenso politico necessario intorno a una misurazione oggettiva, come fare in modo che i dati non vengano travisati? E' per questa ragione che è necessario individuare i limiti delle definizioni di cui ci serviamo nella ricerca di tutti i giorni, se l'obiettivo è quello di disegnare politiche di incentivo al progresso su larga scala.


Un limite alla formazione di un approccio pragmatico ispirato al confronto dei dati è rappresentato, secondo taluni, dal peso della componente ideologica. Soprattutto nel linguaggio politico italiano il termine è spesso usato in senso spregiativo come sinonimo di pregiudiziale, cioè che viene prima di un giudizio sensato e razionale. E' vero che molte delle risposte che le persone danno a problemi di varia natura sono dettate dalla routine e dall'esperienza piuttosto che da una attenta valutazione dei fattori in gioco. In altre parole prendiamo decisioni senza pensarci, guidati inconsciamente dal complesso di valori e abitudini in cui crediamo più fermamente - il nostro portato ideologico. Questo non significa, tuttavia, che tali decisioni siano irrazionali o pregiudiziali.


Per giudicare la bontà di una decisione si deve guardare ai suoi esiti piuttosto che ai meccanismi cognitivi, in parte inconsci ed emotivi, che la rendono possibile. Una novità molto interessante è che gli scienziati sociali cominciano ad affrontare problemi tradizionali della ricerca guardando con interesse alle discipline cognitive e, soprattutto, ai risultati sperimentali nelle neuroscienze. Non solo, qualche mese fa The Economist ha dedicato l'editoriale di apertura al ruolo che la biologia è destinata ad assumere nei prossimi decenni, a confronto con quello della fisica nel ventesimo secolo. (2)


Che cosa caratterizza, quindi, una dichiarazione politica basata sull'uso dei dati?

Certamente l'onestà intellettuale di chi la pronuncia, prima di tutto, e cioè il fatto che i numeri menzionati rispondano al vero nella misura in cui sono stati diffusi dalle istituzioni di rilievo. Secondo, una buona dose di umiltà nell'approccio al "dato reale". Essere trasparenti non significa soltanto essere oggettivi, ma significa capire che molte variabili della realtà sociale ed economica considerate esogene esprimono invece la nostra personale attitudine alle cose. Rendere istituzionale la verifica dei numeri citati può davvero risultare funzionale alla maturazione della sensibilità politica, a patto di riconoscere la natura composita delle grandezze da misurare. In questo senso, la scelta di Nicolas Sarkozy di nominare una commissione guidata da Joseph Stiglitz con l'intento di studiare criticamente le determinanti della crescita, sulla scia del modello Ocse, sembra proprio rispondere a questa esigenza globale.


di Mattia Gallotti, tratto da Lavoce.info 


(1) Abbiamo osservato il fenomeno in Francia in occasione delle recenti elezioni politiche (Eric Chaney su Telos: http://www.telos-eu.com/fr/article/pendant_la_campagne_ne_jouons_pas_avec_les_chiff) e certamente il dibattito sulle cifre è già parte integrante della corsa alle elezioni presidenziali americane.
(2) "Biology's Big Bang", The Economist, June 14, 2007.


Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Accesso rapido