Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

L'ondata di malware supera ogni record

L’industria del malware, fin dall’inizio dell’anno, ha cambiato marcia e ha inondato Internet con un’ondata di malware dalle proporzioni bibliche. Quotidianamente circa 1.500 nuovi malware vengono scatenati contro gli utenti Windows.
Redazione PMI-dome
Nei primi sei mesi di quest’anno i G DATA Security Labs hanno registrato più di 318.000 nuovi malware, un numero superiore a quello registrato in tutto il 2007. Un vero record!

Se il tasso di crescita rimarrà il medesimo, questo significherà un aumento percentuale di oltre il 500% entro la fine dell’anno. Di contro, non si registrano rischi simili per i possessori di smartrphone. Il previsto pericolo per questo genere di periferiche si è rivelata solamente una manovra di marketing. Nello stesso periodo sono apparsi solamente 41 nuovi virus. Evidentemente i criminali online non ritengono gli smartphone delle interessanti fonti di guadagno.

L’esplosiva crescita del malware non ha colto di sorpresa, Ralf BenzmĂĽller, responsabile di G DATA Security Labs: “La criminalitĂ  online è cresciuta fino a trasformarsi in una vera e propria industria che decide i suoi target sulla base di una precisa strategia di marketing. Come nell’industria manifatturiera, i processi basati sulla divisione del lavoro sono una pratica comune anche tra i criminali online. Il risultato è un’organizzazione di eCrime altamente produttiva che può sfornare malware a raffica. Per questo non ci aspettiamo una riduzione dell’attuale ondata di malware. Lacompetizione tra i criminali online e i produttori di antivirus si è ormai intensificata al di lĂ  di ogni previsione. Il 2008 ha giĂ  battuto ogni record e scritto un nuovo e spiacevole capitolo nella storia di Internet.”

 

La strategia per la guerra su Internet: attaccare, infettare e derubare

La minaccia causata da siti idonei è cresciuta notevolmente. L’espansione di malware in Internet prevista da G DATA nel 2007 è divenuta ben più che realtà. I cyber criminali usano falle di sicurezza nel browser o nelle applicazioni web, come Flash o Adobe Acrobat reader. Contrariamente a quanto si pensava, la maggior parte dei siti web infetti non fa parte dei cosiddetti “distretti a luci rosse” di Internet.

La maggior parte del nuovo malware punta al furto dei dati degli utenti come dati bancari online, dati delle carte di credito, dati di accesso per i videogiochi online e così via. Attraverso l’utilizzo dei cosiddetti backdoor i criminali possono prendere il controllo completo del Pc ed inserire ulteriore malware piuttosto che integrare la macchina come Pc zombie all’interno di una botnet.

Non c’è perciò da sorprendersi che questa famiglia di malware sia leader indiscusso della top five con ben 75.027 nuove tipologie.

 

Malware top five (Gennaio - Giugno 2008)


Malware

QuantitĂ 

Percentuale

Backdoors

75,027

23.6 %

Downloaders/droppers

64,482

20.3 %

Spyware

58,872

18.5 %

Trojan horses

52,087

16.4 %

Adware

32,068

10.1 %

 

 

Smartphones: soltanto un’invenzione del marketing

Secondo le analisi di G DATA la maggior parte dei virus che esistono sono i cosiddetti proof-of-concepts. Con appena 20 nuovi codici maligni in 6 mesi il pericolo al riguardo può tranquillamente essere classificato come trascurabile. La mancanza di un modello di business, la portata delle connessioni Bluetooth e il gran numero di diversi sistemi operativi rende di fatto gli Smartphone un obbiettivo poco appetibile per i criminali online.Se uno poi considera il numero totale dei nuovi virus per Smartphone dal 2006 in poi questo risulta ancora più evidente: 115 virus per Smartphone in ben 30 mesi.

 

G DATA prevede un’ulteriore aumento del malware nei prossimi mesi. L’avvicinarsi di importanti eventi sportivi come le Olimpiadi di Pechino, per esempio, potrebbero addirittura far peggiorare la situazione. I criminali online, infatti, sono soliti utilizzare eventi di richiamo globale come un gancio da sfruttare nella loro caccia di diati e un’opportunità per aumentare le loro opportunità di guadagno.. Ci si aspetta inoltre un aumento del numero di mail di phising.

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Accesso rapido