Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Gli States sono il paradiso degli spammer

La legislazione anti-spam statunitense ha fatto ben poco per contrastare gli spammer e la chiusura di McColo ha avuto effetti solo nel breve periodo. Siti host affidabili e a basso costo, e registrazione di domini anonimi, rendono gli Stati Uniti la fonte principale di spam mondiale.
Redazione PMI-dome
Gli Stati Uniti rappresentano ancora un paradiso sicuro per gli spammer secondo il McAfee Spam Report di dicembre. Considerando che la legislazione anti-spam statunitense ha fatto ben poco per contrastare gli spammer e che la chiusura di McColo ha avuto effetti solo nel breve periodo, McAfee ha riscontrato che a causa sia di siti host affidabili e a basso costo, che della registrazione di domini anonimi, gli Stati Uniti rimangono la fonte principale di spam mondiale.

Il report rivela inoltre che:

  • Lo spam relativo a proposte di lavoro su Twitter, che persiste ormai da mesi, è in crescita – si tratta di una truffa attraverso cui si tenta di spingere le persone a creare account su Twitter e a inviare spam agli aderenti proponendo denaro.
  • Il malware delle festività collegato al Natale si focalizza sulla recessione, sponsorizzando beni di lusso fasulli e marchi che sono “in vendita” via email
  • A un anno dalla chiusura di McColo, lo spam è aumentato superando il livello degli effetti precedenti dell’internet service provider stesso

Il 1° gennaio 2010 segna il sesto anniversario del CAN-SPAM Act del 2003, ma i livelli di spam hanno raggiunto livelli record nel corso di questi sei anni dal momento in cui la normativa è stata approvata.

- Il  CAN-SPAM Act afferma che non è possibile utilizzare informazioni false o fuorvianti dell’intestatario e che le informazioni di routing  devono essere precise e identificare chiaramente la persona o l’azienda che ha generato il messaggio

- Si è legalmente responsabili di provvedere a monitorare ciò che viene fatto da terze parti a proprio nome – per esempio, un’azienda è legalmente responsabile delle email inviate a proprio nome che promuovono prodotti e l’azienda stessa.

Il consiglio di McAfee per stare tranquilli durante lo shopping online delle Feste? "Non cliccate mai direttamente i link riportati nelle email," sostiene Adam Wosotowsky, anti-spam technology lead dei McAfee Labs. "Se desiderate visitare il vostro negozio online preferito, digitate direttamente l’indirizzo internet, poiché la maggior parte dei siti web legittimi solitamente non spinge a cliccare direttamente link per approfittare delle ultime offerte."



Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Accesso rapido