Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Backup e Archiviazione: qual è la differenza?

Per fornire la flessibilità e la capacità di consolidare i dati richieste da questa nuova era, le soluzioni devono essere eterogenee a livello di risparmi raggiungibili sullo storage. La nuova era di gestione unificata dei dati è arrivata.
di Cristian Meloni

Il modo in cui consideriamo backup e archiviazione è cambiato molto negli ultimi anni. Questo vale per i passi avanti nelle funzionalità sintetiche ed incrementali, ma anche per il supporto sempre maggiore dell’archiviazione dei dati. Siamo arrivati ad accettare che queste soluzioni siano solitamente ben separate, che richiedano infrastrutture differenti e che abbiano diversi driver di business (come la conservazione delle informazioni nel lungo periodo e la business continuity).

Ma il backup e l’archiviazione sono davvero destinati a vivere come entità separate?

Partiamo dai dati di fatto: man mano che le organizzazioni scelgono il disco per il backup rispetto al nastro e che l’archiviazione è sempre più spesso diretta ai dischi, è chiaro che questa divisione inizia a perdere almeno uno dei suoi tratti dominanti, ovvero il supporto fisico. Molte aziende si affidano ancora ai loro backup quando si trovano ad affrontare questioni legali. Quante indagini prevedono il recupero di dati dal backup nonostante si disponga di una soluzione di archiviazione? È perché la soluzione di archiviazione non è in grado di catturare tutti i dati di cui viene richiesto il mantenimento?

Ora consideriamo il ripristino dei dati. Se un dato protetto tramite un backup viene successivamente archiviato e ulteriormente protetto come backup dell’archivio , quale è la migliore posizione da cui ripristinarlo? Dal backup applicativo, dall’archivio, o dal backup dell’archivio? Cambia qualcosa a seconda della soluzione che si sceglie?

Abbattere le barriere che esistono tra archiviazione e backup non solo semplificherebbe la continuità di business e il recupero dei dati, ma fornirebbe anche una strategia unificata di Information Lifecycle Management (ILM) che mette al suo centro la protezione dei dati.

Ora proviamo a pensare al futuro. Se un dato di cui è stato effettuato il backup da un’applicazione di posta elettronica viene candidato all’archiviazione da parte dell’applicazione primaria, perché spostarlo ancora? Oppure, se di un’applicazione viene effettuato il backup su disco e poi questo viene inviato a un backup su nastro, e i dati dell’applicazione vengono archiviati su disco e poi inviati a un nastro, questo provoca una duplicazione non necessaria?

Il data management si è evoluto

Il verdetto è chiaro: unificando le attività di data management, specialmente la copia ed il trasferimento associati al backup e all’archiviazione e la successiva classificazione insieme al consolidamento dei dati a livello magnetico e di nastro, i requisiti di storage possono essere ridotti in modo significativo.

Sebbene l’archiviazione di ambienti applicativi e di file server già di per sé permetta di risparmiare sui costi dei supporti magnetici, una volta che questa è consolidata all’interno di cicli di protezione dei dati, i risparmi diventano decisamente maggiori. Le soluzioni di archiviazione spesso dispongono già di tecnologie di compressione semplici che permettono di salvare spazio. Ma dove il data management si è evoluto è nel livello della deduplicazione che può essere applicata su dischi magnetici sia al processo di archiviazione sia a quello di backup.

È proprio la deduplicazione il fondamento di questa evoluzione: elimina infatti le doppie copie fisiche dello stesso dato (o degli stessi blocchi di dati differenti), risparmiando risorse e ottimizzando l’efficienza. Opera soprattutto in due modi: eliminando oggetti identici sui vari client e gli oggetti identici tra le copie di backup e quelle di archiviazione.

Consideriamo ad esempio un ambiente semplice basato su Microsoft Exchange e su file server. L’archiviazione dei dati obsoleti, che possono rappresentare ipotizziamo il 50% di questo spazio, può già ridurre una buona porzione di questo storage di un ulteriore 25%. Tuttavia i backup completi dei dati residui in Exchange e di quelli archiviati richiedono parecchio spazio disco.

All’opposto, un miglioramento della deduplicazione razionalizzerebbe documenti e file rispetto agli allegati di posta elettronica creando un rapporto di deduplica superiore al 60%. Se applichiamo lo stesso paradigma ai backup e agli archivi, la necessità di dati addizionali si riduce di oltre il 50%.

Non converrebbe allora unificare la gestione dei dati per ottenere questo genere di efficienze economiche? Se intendiamo mantenere bassi i costi di data management di lungo periodo, e al tempo stesso rendere più semplici gestione, ripristino, accessibilità e flessibilità dei dati, una strategia unica di data management è essenziale. La buona notizia è che esistono alcune tecnologie integrate e alcune soluzioni specifiche che offrono già oggi queste funzionalità.

Una cosa resta chiara però: per fornire la flessibilità e la capacità di consolidare i dati richieste da questa nuova era, le soluzioni devono essere eterogenee a livello di risparmi raggiungibili sullo storage. Perché perdere tempo alla ricerca di una nuova strategia e tecnologia di data management per poi trovarsi legati a uno specifico hardware per colpa di una deduplica avanzata? Altre buone notizie: oggi ci sono a disposizione maggiori scelte, dato che vi sono tecnologie software in grado di offrire vantaggi eterogenei che non necessitano di un hardware specifico.

Inoltre, le soluzioni che offrono la flessibilità di trasferire i dati dal backup all’archivio sono le più indicate, perché riducono al minimo l’interazione con le applicazioni principali e razionalizzano le copie replicate per ridurre ulteriormente lo spazio utilizzato all’interno dello storage.

Infine, le tecnologie più avanzate non solo unificano i dati attraverso tutte le attività di elaborazione dei dati stessi, ma offrono anche un approccio coerente alla gestione delle policy, alla reportistica, alla sicurezza, all’auditing e al capacity planning; il tutto idealmente tramite un’unica interfaccia di gestione che copra l’intera organizzazione.

La nuova era di gestione unificata dei dati è arrivata. Perché aspettare?

Di Cristian Meloni, PreSales Technical Manager di CommVault Systems Italia


Condividi

Tags (3)

software, storage,
Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

Accesso rapido