Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Lotta allo spam in Europa, la situazione a oggi

L’ENISA, l’agenzia della UE per la "sicurezza cibernetica", presenta il suo terzo "Rapporto sullo spam", ovvero le misure antispam adottate dai provider europei di servizi Internet (ISP). Il Rapporto, che non evidenzia progressi significativi nella lotta allo spam, analizza budget stanziati per i software antispam, impatto e gestione dello spam.
Redazione PMI-dome
Il sondaggio è stato rivolto a provider di servizi e-mail di vari tipi e dimensioni e ha ricevuto risposte da 100 intervistati di 30 diversi paesi dell’UE (26/27 stati membri della UE); sono state gestite 80 milioni di caselle di posta elettronica. Il sondaggio ha analizzato i modi con cui i provider di servizi e-mail combattono lo spam nelle proprie reti e ha individuato i sistemi più all’avanguardia nella lotta allo spam.

Tra i principali risultati della ricerca:
- Meno del 5% di tutto il traffico e-mail viene recapitato alle caselle di posta elettronica. Ciò significa che il volume principale delle e-mail, ovvero il 95%, è spam. Questo dato rappresenta un cambiamento minimo rispetto al 6% registrato nei precedenti rapporti dell’ENISA.
- Il 70% degli intervistati considera lo spam estremamente significativo o comunque significativo per la sicurezza delle loro operazioni.
- Per oltre 1/4 degli intervistati, piĂą del 10% delle richieste di assistenza informatica riguardavano problemi di spam.
- Tra i provider di piccole dimensioni, 1/4 degli intervistati dedica ogni anno oltre 10.000 euro di budget al software antispam.
- 1/3 dei provider di grandi dimensioni stanzia budget superiori a un miliardo di euro all’anno per il software antispam.

La lotta allo spam ha raggiunto un certo livello di maturità. Gli ISP utilizzano misure di diversi tipi: tecniche, conoscenze, regolamenti e normative in materia. Le blacklist sono gli strumenti antispam più diffusi. In media vengono utilizzati 5 tipi di misure. Gli ISP considerano la prevenzione antispam un vantaggio competitivo per attrarre e mantenere i clienti. Tuttavia, lo spam non è un fattore critico.

Il Dr. Udo Helmbrecht, Executive Director dell’ENISA, conclude: “Lo spam rimane per l’Europa un aggravio inutile, dispendioso in termini di tempo e di denaro. Dal numero di messaggi spam riscontrato, posso soltanto dedurre che sia necessario maggiore impegno per la soluzione del problema. I provider di posta elettronica dovrebbero monitorare meglio lo spam e identificarne la fonte. I responsabili delle politiche e le autorità competenti dovrebbero chiarire i conflitti tra filtro antispam, privacy e obbligo di consegna”.

Entro la fine del 2010, ENISA consegnerĂ  un Rapporto sui botnet per studiare le cause alla base dello spam. I botnet sono reti di sistemi controllate da migliaia di computer, infettate da programmi malevoli nascosti, i "bot", finalizzate alla distribuzione di spam e attivitĂ  criminali.

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

Accesso rapido