Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

PEC: poca trasparenza sul sito postacertificata.gov.it

L’associazione Cittadini di Internet denuncia la mancanza di trasparenza del portale governativo che distribuisce le caselle di posta elettronica certificata
di Francesco Forestiero
L’associazione Cittadini di Internet, a firma del suo Presidente - il dott. Massimo Penco -, ha diffuso una nota in cui si mette in dubbio la chiarezza delle informazioni contenute nel sito governativo.

L’associazione fa rilevare che “...pur di mantenere il Punto di 400.000 PEC (CEC PAC) attivate, il portale che distribuisce la CEC PAC elimina l’informativa relativa alle CEC PAC veramente richieste...”.

La discordanza nasce tra i dati pubblicati sullo stesso sito Internet e quelli dichiarati dal ministro Brunetta.

Il 18 maggio 2010 di quest’anno il blog del ministro riportava la dicitura “Sono 197.412 le caselle di Posta elettronica certificata (Pec) attivate dai cittadini fino ad oggi”.

Tuttavia, sul sito si leggeva la dicitura Numero di caselle PostaCertificat@ attivata: 72.771. Con l’indicazione della data 20/05/2010. Come evidenziato anche dal sito ilsalvagente.it che riporta lo screenshot del contatore installato sullo stesso sito.

Ad oggi il totale delle caselle attivate è stato rimosso dal contatore del sito che riporta solo il “Numero richieste attivazione da portale”, 411.994.

C’è da precisare, infatti, che il contatore in precedenza riportava sia il numero delle richieste di attivazione sia il numero delle caselle effettivamente attivate. Ovvero il numero dei cittadini che, dopo la richiesta tramite Internet, si sono recati presso gli uffici di Poste Italiane per completare la procedura richiesta dalla prassi.

Nella nota, l’associazione Cittadini di Internet sottolinea anche che per la gestione del servizio è stata effettuata una gara d’appalto di ben 50 milioni di euro, a seguito della quale i cittadini avrebbero potuto usufruire della CEC PAC per comunicare con la Pubblica Amministrazione. E che, in precedenza, aveva già scritto al Ministro per sollecitare un’informativa trasparente nel sito.

Francesco Forestiero

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

Accesso rapido