Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Che cosa sono i cookies?

Alcune volte si sente parlare dei cookies, ma cosa sono. Poche righe e alcune riflessioni
di Gabriele Pertosta
Il termine cookie, prestato dalla lingua inglese, è stato introdotto nel mondo Internet intorno al 1996, per indicare una tecnica con la quale il server (ovvero il computer adibito alla gestione di un sito Internet) trasferisce un piccolo file di testo sul computer del navigatore.

Letteralmente, il significato di cookie significa biscotto. Pertanto, in maniera figurata, il server lascia una briciola di biscotto sul computer del navigatore.
Ma perché?
Facciamo un passo indietro e rivestiamoci dei panni del navigatore (ognuno di noi è navigatore almeno per pochi istanti quando ci colleghiamo ad Internet).
Quando navighiamo, sempre più frequentemente incontriamo siti Internet che sembra si ricordino di noi.
Ci salutano magari per nome, visualizzano il nostro oroscopo, ripropongono la veste grafica che abbiamo scelto (come ad esempio my-excite di www.excite.it).
Ma come fanno? E' ovvio che non siamo di fronte a doti soprannaturali da parte dei siti.
Semplicemente usano i cookie, che hanno depositato in una zona specifica del nostro software di navigazione (Netscape o Explorer) l'ultima volta che ci siamo collegati a quel determinato computer.
Questi file contengono alcune informazioni su di noi, come la data dell'ultimo collegamento, le scelte che abbiamo fatto, alcune azioni che abbiamo compiuto, ecc. Insomma, dati utili affinché il server si possa ricordare di noi quando torneremo a fargli visita.

Pertanto è una soluzione che sulla carta sembra essere un ottimo strumento di comunicazione e relazione tra il sito Internet e il navigatore. Tanto quanto, nella nostra vita reale, proviamo piacere quando il commesso di un negozio si ricorda di noi, ci saluta con un bel sorriso, si ricorda dei nostri gusti e di quello che abbiamo comprato l'ultima volta.

Ma è altrettanto vero per il mondo on-line? E' altrettanto vero che un navigatore (sicuro del suo anonimato e della sua privacy, camuffato dietro al suo mitico e strano indirizzo IP) sia contento di essere riconosciuto se non lo ha espressamente richiesto?

Il bilanciamento tra pro e il contro nell'utilizzo dei cookie è molto delicato. Tanto quanto una bilancetta da orefice.

Un cookie, di per sé non è dannoso. Dipende da come un sito Internet ne fa uso e da come gestisce le informazioni che sono state raccolte.
Chiedere il permesso da parte della società del sito, potrebbe essere un forte segnale di correttezza e trasparenza. E', in questo caso, un'ottimo strumento con il quale il navigatore, informato, viene messo a suo agio e libero di scegliere se concedere o meno le informazioni sul proprio conto.

E' indiscutibile il fatto che per i siti di e-commerce, i cookie possano essere degli ottimi strumenti con i quali riconoscere i propri clienti, ricordarsi quali sono stati gli ultimi prodotti visualizzati o ordinati. Ma, ripetiamo, bisogna che siano trattati con molta attenzione e cura. Soprattutto se lo si fa ad insaputa del navigatore.

Un altro fattore da tenere presente, soprattutto per i proprietari del sito Internet che ne fa uso, sono le date di scadenza.
Come nella vita reale, anche i cookie scadono. Quanto devono durare? Per quanto tempo possono essere validi? Un'attenta riflessione a riguardo è molto importante.
Il periodo di validità è solitamente di 15 gg, ma possono essere molto di meno come senza scadenza. Dopo quanto tempo devono scadere?
Dispiace dirlo, ma…… dipende…
Dipende dal proprio sito Internet, dipende dalle informazioni che un sito che ne fa uso vuole conoscere ed utilizzare, dipende dal genere di prodotto e di servizio che si eroga on-line.

E' dunque consigliabile usarli per il proprio sito?
Senza dubbio si, ma con le seguenti avvertenze:

  • con moderazione e attenzione
  • se si raccolgono informazioni sul navigatore in un numero superiore consentite dal buon senso, informarlo, avvertirlo, comunicandogli che voi potrete servirlo meglio nel futuro (e ricordando che tratterete le sue informazioni come previsto dalla legge sulla privacy 675)
  • … e soprattutto usandoli bene…. Proprio, per servire meglio il vostro navigatore.

di Gabriele Pertosta


Condividi

Commenti
1Commento

Re: Che cosa sono i cookies?

Spiegato alla perfezione!!!!! grazie Gabriele Pertosta scritto: > > Il > termine href="/glossario/pagina.phtml?_id_articolo=2703">cookie, prestato dalla lingua inglese, > è stato introdotto nel mondo Internet intorno al 1996, > per indicare una tecnica con la quale il server > (ovvero i.......

Inviato da matesa47

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:



Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

SE UN IMPIEGATO APRE UN E-SHOP, MEGLIO L'APPOGGIO DI UN COMMERCIALISTA

Accesso rapido