Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Sciopero generale

Bankitalia: la protesta è contro il piano del Governatore Draghi che prevede la chiusura di diverse sedi regionali
di Andrea
La ristrutturazione decisa dal Governatore Mario Draghi, che ridimensiona la presenza della Banca d'Italia nelle regioni, non è piaciuta molto ai dipendenti di Via Nazionale (considerati da tutti dei super privilegiati) che sciopereranno il 15 aprile contro la chiusura di 39 filiali, quasi la metà di quelle attualmente funzionanti.

Draghi punta ad una maggiore efficienza, assegnando funzioni diverse alle restanti sedi locali, ma il sindacato non ci sta.

Altre questioni sul tavolo sono quelle relative al congelamento degli aumenti salariali del contratto per il prossime triennio e ai tagli del 5% e 10% rispettivamente per stipendi superiori a 90mila e a 150mila euro.

I sindacati del settore, tranne Uil e Cida, hanno lamentato l’adozione delle misure in questione senza alcun accordo preventivo, motivo che rende le parti ampiamente distanti.

La nuova organizzazione comporta il trasferimento di sede e quindi di città per circa 1200 dipendenti.

Draghi da par suo ha fatto sapere di volersi adeguare alla nuova normativa del governo per quel che concerne l’assestamento del deficit di bilancio.

Rivoluzione, quindi, per remunerazioni e bonus dei manager bancari che nel prossimo futuro saranno leagti maggiormente al merito e prevderanno un maggiore equilibrio tra la parte fissa e variabile.

Secondo il documento redatto da Bankitalia “La regola generale prevede che il rapporto tra la componente fissa e quella variabile deve essere opportunamente bilanciato, puntualmente determinato e attentamente valutato in relazione alle caratteristiche dell'intermediario e delle diverse categorie di personale, in specie di quello rientrante tra il 'personale piu' rilevante. La parte fissa deve essere sufficientemente elevata in modo da consentire alla parte variabile di contrarsi sensibilmente e, in casi estremi, anche azzerarsi in relazione ai risultati, corretti per i rischi, effettivamente conseguiti".


Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:



Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

SE UN IMPIEGATO APRE UN E-SHOP, MEGLIO L'APPOGGIO DI UN COMMERCIALISTA

Accesso rapido