Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

In Calabria viene finanziato l’ammodernamento delle imprese agricole

Il GAL Basso Tirreno Reggino mette a disposizione contributi per le PMI del settore
di Lorenzo Mari
Il Gruppo di Azione Locale Basso Tirreno Reggino concede contributi con l’obiettivo strategico di accrescere la competitività, la capacità di creare valore aggiunto e di migliorare la performance globale delle aziende agricole del territorio del Gal "Basso Tirreno Reggino" attraverso l’ammodernamento delle stesse nel rispetto degli standard comunitari applicabili.

Chi può partecipare?
L'intervento dovrĂ  realizzarsi in aziende agricole ubicate nel territorio di uno dei comuni dell'area di intervento del Piano di Sviluppo Locale: "Basso Tirreno Reggino" e comprendente i seguenti comuni: Bagnara Calabra, Cosoleto, Delianuova, MelicuccĂ , Molochio, Oppido Mamertina, Palmi, San Procopio, Santa Cristina d'Aspromonte, Sant'Eufemia d'Aspromonte, Scido, Scilla, Seminara, Sinopoli e Varapodio.
Sono soggetti beneficiari dell’intervento gli imprenditori agricoli singoli ed associati sotto qualsiasi forma, che operano o intendono operare, all’interno dell’area del Piano di Sviluppo Locale del Gal.

Cosa viene finanziato? 
Le finalitĂ  della misura sono la realizzazione di investimenti per incrementare il valore aggiunto dei prodotti agricolo e forestali attraverso: 
  • la creazione, l’ammodernamento e il miglioramento dell’efficienza delle strutture operanti nella lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli-forestali; 
  • il raggiungimento dell’autosufficienza energetica con la creazione di una rete di piccoli impianti legati al mondo della produzione che utilizzano prodotti o sottoprodotti agricoli e/o forestali; 
  • il miglioramento qualitativo della produzione trasformata.
In particolare sono considerate prioritarie le seguenti tipologie d’investimento:
  • a) Creazione e potenziamento della microfiliera integrata del latte di asina;
  • b) Creazione e potenziamento della microfiliera integrata del miele;
  • c) Creazione e potenziamento della microfiliera integrata del Melo Limoncello.
La misura sostiene gli interventi di realizzazione e/o allestimento di immobili e relative attrezzature per la commercializzazione dei prodotti agro-zootecnici prevalentemente di produzione aziendale. Sono inclusi i costi per l’acquisto di dotazioni e attrezzature informatiche, attrezzature di laboratorio di analisi e strumentazione per verifica di parametri qualitativi delle produzioni aziendali.

Sono ritenuti ammissibili a contributo i seguenti investimenti di tipo materiale per:
  • costruzione, acquisto, ristrutturazione e/o ammodernamento di immobili per la lavorazione, trasformazione, stoccaggio e commercializzazione dei prodotti agroalimentari di microfiliera fatta eccezione per quelli di uso abitativo;
  • acquisto di nuove macchine e attrezzature per la lavorazione, trasformazione, stoccaggio e commercializzazione dei prodotti agroalimentari di microfiliera;
  • costruzione, acquisto, ristrutturazione e/o ammodernamento di immobili per la prima lavorazione dei prodotti forestali;
  • acquisto di nuove macchine e attrezzature per la prima lavorazione dei prodotti forestali;
  • realizzazione e/o razionalizzazione di piattaforme per i prodotti agroalimentari, limitatamente agli investimenti di imprese di trasformazione e commercializzazione, di dimensioni che verranno definite a livello regionale, in aree a forte vocazione "redistributiva e di concentrazione dell’offerta", oltre che a vocazione produttiva;
  • acquisto di terreni edificabili per un costo non superiore al 5% del totale delle spese ammissibili e comunque non superiore al 50% del prezzo di acquisto del terreno stesso da dimostrare attraverso atto definitivo di acquisto debitamente registrato;
  • acquisto o leasing (con patto di acquisto) di impianti, macchine, attrezzature e mezzi mobili connessi alla movimentazione/trasporto della materia prima;
  • investimenti finalizzati alla produzione di energia rinnovabile volti a soddisfare i fabbisogni dell’impresa, di taglia complessivamente inferiore o pari ad un 1MW;
  • investimenti volti alla protezione e tutela dell’ambiente attraverso l'adozione di processi e tecnologie finalizzati a ridurre l'impatto ambientale del ciclo produttivo;
  • adozione di tecnologie per un miglior impiego o eliminazione dei sottoprodotti o dei rifiuti;
  • investimenti intesi a migliorare le condizioni di sicurezza sul posto di lavoro.
Investimenti Immateriali:
  • acquisizione di know-how;
  • acquisto di hardware e software;
  • creazione e/o implementazione di siti internet;
  • acquisto di brevetti e licenze;
  • costi per la realizzazione e certificazione di sistemi di qualitĂ  e rintracciabilitĂ .
Nell’ambito delle tipologie degli interventi ammessi a contributo saranno ritenute ammissibili le seguenti opere e spese:
  • Lavori di ristrutturazione per adeguamento, miglioramento ed il recupero dell’area o fabbricato esistente, lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro e risanamento conservativo, (gli interventi di ristrutturazione non dovranno comportare la creazione di nuovi volumi), della struttura; 
  • Acquisto di attrezzature, arredamento, segnaletica, insegne, relative all’allestimento della struttura; 
  • Impianti elettrici, igienico sanitari, allacciamenti, ecc.; 
  • Attrezzature informatiche e telematiche; 
  • Spese generali nella misura massima del 9% dell’importo complessivo dell’investimento, di cui massimo il 6% per progettazione e direzione dei lavori, e nella misura massima del 3% per le altre spese. Per quanto concerne opere, impianti, macchinari, attrezzature e arredi la cui realizzazione non prevede una progettazione ed il cui costo è determinato in base ai preventivi, le spese generali e tecniche non possono superare il 3%; 
  • l’I.V.A. solo se costituisce un costo per il beneficiario finale;
  • tipologie e nelle stesse per categorie, opere edili, impianto elettrico, idrico, riscaldamento, arredi e attrezzature, attrezzature informatiche.
Quanto viene finanziato?
La misura prevede un contributo che varia a seconda della tipologia di investimento:
  • Creazione e potenziamento della microfiliera integrata del latte di asina: 50% delle spese ammissibili per un contributo massimo 50mila euro
  • Creazione e potenziamento della microfiliera integrata del miele: 50% delle spese ammissibili per un contributo massimo 20mila euro
  • Creazione e potenziamento della microfiliera integrata del Melo limoncello: 50% delle spese ammissibili per un contributo massimo di 35mila euro
Presentazione della domanda
Le domande volte ad ottenere la concessione degli aiuti devono essere prodotte utilizzando la procedura informatica messa a disposizione da ARCEA e disponibile mediante il portale SIAN.
Le domande di aiuto, così come restituite dal SIAN, devono essere presentate in forma cartacea, entro e non oltre il 60° giorno dalla pubblicazione del bando sul BUR Calabria, al GAL Basso Tirreno Reggino, all’indirizzo:
GAL Basso Tirreno Reggino 
Via Torrione, 96 89125 
Reggio Calabria (RC)

Per ulteriori informazioni
E’ possibile consultare il sito dell’ente gestore cliccando qui www.galbatir.it 

Allegati
Il Bando può essere scaricato da questo indirizzo.

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Accesso rapido