Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Tesoro: BTp all’asta, il tasso sale al 5,6%

Rilasciato il nuovo BTp, interviene anche la Bce a sostenere le vendite
di Mirko Zago
Il Tesoro ha immesso sul mercato il nuovo Btp a cinque anni ad un tasso volato al 5,6% dal 4,93% dell'ultima asta. Si tratta del livello più elevato raggiunto nei 12 anni di vita dell'euro. Il Btp 15 settembre 2016 è stato venduto per 3,865 miliardi di euro quando le richieste sono state di 4,945 miliardi confermando quanto previsto dal Tesoro nonostante la reazioni del mercato azionistico non del tutto pacate. Se i mercati azionari infatti avevano inziato la seduta positivamente i toni sono cambiati presto a seguito di un calo eccessivo delle quotazioni del BTp. Per sostenere la vendita è intervenuta anche la Banca Centrale Europea proponendo prezzi in acquisto per evitare degenerazioni della situazione. Il tasso conclusivo di assegnazione sul debuttante quinquennale è arrivato a soglia 5,60% equivalente a un rialzo di 67 centesimi rispetto all'emissione precedente di luglio.

Gli analisti hanno commentato che “La concessione questa volta è stata pesante; il Tesoro ha dovuto accettare prezzi bassi per collocare un ammontare importante”. Situazione simile comunque si è registrata anche in Belgio, dove il Tesoro ha dovuto alzare il rendimento per collocare i suoi T-bill a tre e 12 mesi, venduti rispettivamente all'1,06% e all'1,42% contro lo 0,81% e l'1,13% dell'asta precedente di agosto.

Il Tesoro ha preferito emettere un BTp a 15 anni non più in corso di emissione e con vita residua di 9 anni rispettando il trend degli acquisti della Bce e dell'Eurosistema che si stanno concentrando su scadenze comprese tra i 5 e i 10 anni. Dando uno sguardo agli off-the-run si nota che sono stati collocati con i seguenti rendimenti: il BTp agosto 2018 al 5.59%, il BTp febbraio 2020 al 5.49% e il BTP settembre 2020 al 5.47 per cento.

A breve sarà la volta della Spagna, pronta ad emettere buoni con scadenze tra il 20019 e 2020  per un importo che si situa tra i 3 e i 4 miliardi (i rendimenti attualmente per i “bonos” a dieci anni rendevano il 5,40%, quelli a otto anni appena sopra il 5 per cento). L’Italia per alleviare le tensioni pre-asta dovrebbe in futuro puntare a integrare fonti alternative di raccolta come il conto disponibilità di tesoreria e forme di prestito tra Stati.


Condividi

Tags (3)

Tesoro, BTp, tasso
Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:



Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

SE UN IMPIEGATO APRE UN E-SHOP, MEGLIO L'APPOGGIO DI UN COMMERCIALISTA

Accesso rapido