Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Professionisti: salta l’obbligo del preventivo scritto

È quanto prevede un emendamento del governo depositato alla Commissione Industria del Senato
di Redazione PMI-Dome
Il compenso del cliente al professionista dovrà essere «pattuito», sarà doveroso «un preventivo di massima», ma salta dal decreto Liberalizzazioni la forma scritta se richiesta dal cliente.

È quanto prevede un emendamento presentato in Commissione Industria dal Governo, che cambia la disciplina dell’art. 9 del decreto liberalizzazioni (DL n. 1/2012).

Viene, comunque, previsto che il compenso è reso noto al cliente con un preventivo di massima, deve essere adeguato all’importanza dell’opera e va pattuito indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi. E’ bene precisare che l’obbligo di fornire al cliente un preventivo rimane,ciò che cambia è la forma che non deve essere più in forma scritta.

Ciò che cambia, invece, è che sembra esservi un obbligo generalizzato, non più a fronte di specifica richiesta del cliente e che viene meno è la sanzione disciplinare, non riproposta nella nuova versione del provvedimento.

Resta, anche nel nuovo testo, l’obbligo di indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell’esercizio dell’attività professionale, nonché l’obbligo di informare il cliente sul grado di complessità dell’incarico.

L’art. 9 prevede, inoltre, dopo i primi sei mesi di tirocinio, il riconoscimento al tirocinante di un “rimborso spese” forfetariamente concordato.


Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

Accesso rapido