Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Arriva il redditometro anche per gli autonomi

La riforma del fisco toccherà anche partita iva e imprenditori
di Redazione PMI-Dome
A fine anno dovrebbe diventare operativo il nuovo redditometro che misurerà con precisione la capacità contributiva dei cittadini italiani, contrastando ancora più efficacemente l’evasione.

Gli accertamenti, per voce di Attilio Befera, direttore dell’Agenzia delle Entrate, dovrebbero venire in breve estesi anche a lavoratori autonomi e imprenditori. Si tratta di azioni di potenziamernto degli accertamenti sintentici inseriti nell’articolo 10  della bozza di riforma fiscale prossima ad essere presentata al Consiglio dei ministri.

I controlli incrociati saranno in grado di prevedere se il maggior reddito accertato ai fini Irpef possa ripercuotersi anche sugli obblighi contributivi in relazione con l’attività svolta. Non sarà più quindi solo l’imposta sul reddito delle persone fisiche a contribuire a determinare e comprovare il reddito, i controlli saranno ora a tutto tondo e tutte le informazioni fornite dal contribuente dovranno quadrare se non si vuole incorrere in controlli supplementari. Dovendosi riferire al reddito da lavoro autonomo o di impresa l’Agenzia delle entrate potrebbe contestare mancati pagamenti Iva, Irap o contributi previdenziali e assistenziali. Il nuovo strumento conterà inoltre su un’arma già in uso, ovvero gli studi di settore che saranno ritoccati considerando l’inasprimento delle condizioni economiche.

I lavoratori autonomi dovranno prestare particolare attenzione. Redditometro, studi di settore sono solo due degli strumenti più forti di controllo, ma va ricordato che anche la tracciabilità dei pagamenti superiori ai mille euro rientra nello stesso ordine di cose. Oltre a ciò i controlli mirati e a campioni continueranno ad essere utilizzati. In particolare verranno valutati “in modo appropriato e completo gli elementi contenuti nelle banche dati e prevedendo sinergie con altre autorità pubbliche”.

L’articolo 10 introduce anche la riservatezza dell’indagine conoscitiva, che potrà essere contestata solo una volta esplicitata. Sicurezza per i “vigilantes” ma anche per i contribuenti che avranno il diritto di non essere intralciati dagli accertatori, continuando a svolgere le attività senza interruzioni. 


Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Accesso rapido