Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Imu con aliquote base a giugno, aumenti a dicembre

I comuni potranno decidere le loro aliquote entro settembre
di Redazione PMI-Dome
Il prossimo 18 giugno si dovrà pagare l’acconto dell’Imu, l’imposta municipale unica, sostituta dell’Ici. Dopo gli allarmi lanciati dai centri di assistenza fiscale si è deciso che verranno applicate le aliquote base decise dal governo. Tali aliquote verranno successivamente maggiorate delle percentuali deliberate dai singoli comuni nel saldo di dicembre.

Il testo definitivo con tale decisione è stato presentato ad inizio settimana in Senato. Se dunque almeno in fase iniziale viene promessa una certa chiarezza e semplicità, così non sarà in futuro, già a luglio potrebbero infatti essere apportati ulteriori ritocchi in seguito all’analisi del gettito della prima rata.

Diversi Comuni non hanno ancora deliberato in materia, è data una proroga fino al 30 settembre per stabilire entro i limiti di legge quali saranno le percentuali richiedibili.

La misura provvisoria si è resa necessaria per questo motivo e per agevolare i cittadini prossimi alla compilazione del 730 che si sarebbero trovati nell’impossibilità di compilare i documenti in modo congiunto. In breve tempo, sciolti gli ultimi nodi, arriverà anche il codice tributo da inserire nel versamento via F24.

Come si calcola l’Imu? Si paga il 4 per mille dell’abitazione principale e il 7,6 su altri immobili. La aliquota va calcolata sulla rendita catastale della prima abitazione moltiplicata per 160. E’ prevista una detrazione sulla prima casa di 200 euro a cui si sommano ulteriori 50 euro per ogni figlio residente che non abbia più di 26 anni. A dicembre si applicheranno sulle stesse cifre le aliquote definitive che saranno incrementate di qualche millessimo che spetterà ai Comuni.

A luglio comunque potranno essere apportati, come giĂ  ricordato, ulteriori ritocchi necessari per arrivare al gettito totale previsto di 21,8 miliardi. Su case popolari e comunali i sindacati promettono di dare battaglia per far si che le spese siano contenute.


Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

Accesso rapido