Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Google lancia il proprio advertising network

Continua l'evoluzione del mondo dei motori di ricerca. Importanti novità del mercato e nuove tecniche per le imprese per rendersi visibili su Internet
di Marco Loguercio

Forse in risposta al crescente strapotere di Overture; forse in risposta alle indiscrezioni (raccolte sui forum statunitensi, anche se tutte da verificare) che vorrebbero Yahoo in procinto di rivolgersi nuovamente ad Inktomi per la fornitura dei risultati di ricerca sul Web; o forse semplicemente per avere nuove fonti di revenue, che non fanno mai male in vista della sua prossima quotazione al NASDAQ, Google ha annunciato alla fine di dicembre l'intenzione di lanciare un proprio network pubblicitario.

Il Google Syndication Program, questo il nome con cui attualmente viene indicato, sarà lanciato entro il primo trimestre 2002 ed andrà a potenziare i Google AdWords, insieme ai listing pay per click di Overture probabilmente il più efficace sistema di "do it yourself" online advertising.
Al momento non sono disponibili informazioni su quali siti comporranno questo network; è ipotizzabile che potrebbero farne parte i principali portali e directories cui Google fornisce attualmente i risultati. Nella sua pagina dedicata alle domande più frequenti sul Google self-service advertising system (https://adwords.google.com/AdWords/faq.html#browsers), vengono infatti citati come partner del network "several popular sites", anche se rimane da vedere come gestire l'eventuale convivenza con altri network di listing a pagamento. Finora si sa solo che il celebre motore è stato in corsa con Overture ed eSpotting, poi vincitore dell'appalto, per poter pubblicare i propri link a pagamento su Yahoo! Europe.

Una importante opzione che sarà offerta agli advertisers degli AdWords di Google sarà quella di poter scegliere se far comparire i propri "box sponsorizzati" (che vengono pubblicati alla destra dei risultati di ricerca, contraddistinti dall'indicazione "sponsored links"; per un esempio http://www.google.com/search?q=google), sull'interno network - probabilmente saranno fornite anche opzioni di geotargetizzazione - oppure solo su google (.com e versioni nazionali).

Gli AdWords sono una delle due possibilità di fare pubblicità su Google; l'altra è rappresentata dai Premium Sponsorship, banner testuali che compaiono in testa alla pagina e che sono acquistabili solo tramite agenzia (in Italia, in attesa che Google apra un proprio ufficio probabilmente nella seconda metà del 2002, sono venduti da Doubleclick). Il vantaggio degli AdWords - che, a differenza dei link "pay per click" di Overture, si pagano ad impression - è dato dal fatto che una campagna può essere allestita velocemente ed abbastanza facilmente da sé (basta una carta di credito per pagare), una volta che si hanno le idee chiare su cosa si voglia promuovere online: basta acquistare le parole chiave attinenti al proprio business ed il gioco ha inizio.
Campagne per parole chiave molto centrate sul proprio business possono portare anche a tassi di click del 15%, mentre attraverso il pannello di controllo online si può lavorare all'ottimizzazione della campagna, cambiando parole chiave oppure i titoli e le descrizioni dei link testuali.

Sempre contrariamente ad Overture, dove la posizione dei propri listing può essere determinata dal valore che si assegna ad un click, su Google gli AdWords vengono pubblicati ordinati in base al tasso di click fino a quel momento ricevuto, secondo il concetto che i link più cliccati sono in linea di massima quelli più attinenti la ricerca.
Da quello che si può intendere dalle varie interviste rilasciate nelle scorse settimane dal CEO di Google Eric Schmidt e dalla responsabile del bizdev Sheryl Sandberg, questa non sarà l'unica grande novità di Google per il primo semestre 2002.

Per avere qualche statistica sugli utenti di google si può vedere www.google.com/ads/stats.html.

di Marco Loguercio

Marco Loguercio - già in DNM Spa ed in WMC (InferentiaDnm Group), ora fondatore ed amministratore della search engine marketing agency "SEMS - Il mestiere dei motori", dal 1998 si occupa professionalmente di promozione e visibilità attraverso i motori di ricerca.
E' autore del libro "Le nuove vie del marketing digitale" (HOPS Libri. presto in libreria).
Ha fatto sua la frase di Brett Tabke: "Those who can work search engines, do. Those that can't, use Overture".

Condividi

Tags (1)

google
Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:



Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

SE UN IMPIEGATO APRE UN E-SHOP, MEGLIO L'APPOGGIO DI UN COMMERCIALISTA

Accesso rapido