Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Project Management: intervista a Giuseppe Marciante

La Redazione di PMI-Dome ha intervistato il Project Manager e organizzatore del Project Management EXPO 2012 
di Fabrizio Scatena
Mancano pochi giorni all'avvio del Project Management Expo 2012. Si tratta di un evento completamente dedicato al mondo del Project Management, in cui verrà mostrato il potenziale della disciplina e la sua applicabilità nelle organizzazioni pubbliche e private.

L'Expo offrirà ai visitatori l'opportunità di relazionarsi con la comunità dei Project Manager, e conoscere da vicino le aziende del settore che offrono prodotti e servizi dedicati, risorse molto utili ed efficaci per lo sviluppo imprenditoriale ed Istituzionale.

Ne abbiamo parlato con Giuseppe Marciante, Project Manager, organizzatore dell'evento e membro del comitato direttivo presso l'Istituto Italiano di Project Management.


Perché organizzare un Expo sul Project Management?
Fabrizio, ti ringrazio di questa domanda a cui rispondo con grande piacere. Potrei confezionarti un sacco di risposte e raccontarti tante ragioni, più o meno strategiche, che potrebbero giustificare uno sforzo così grande. Ma ho voglia di esprimerti la verità più semplice che ci ha spinti ad organizzare il PMexpo: noi crediamo nel Project Management. Tutto qua. Noi crediamo nel valore della disciplina e di quanto possa essere forte il suo apporto all’innovazione e alla crescita dell’economia del nostro paese, in particolare in una situazione come quella attuale. E’ un momento di grande fermento, e come non mai ci sono così tante idee che spingono verso il cambiamento e l’innovazione. Il Project Management è ciò che può seriamente trasformare tali idee in qualcosa di concreto. 

Quali sono le principali ragioni che ti hanno spinto e motivato ad organizzare un Expo sul Project Management?
La vera ragione che mi spinge è quella che ti ho appena raccontato, e che da forza a tutti quelli che con me stanno lavorando nell’organizzazione di questo importante evento. Ad un certo punto ci siamo chiesti come dare espressione all'evento affinché si concretizzassero delle opportunità. La domanda di fondo che ci siamo posti è stata: cosa possiamo fare per alimentare e facilitare la crescita del Project Management? La risposta è stata il PMexpo. L’idea è di far diventare l’evento il riferimento in Italia per il Project Management, con l’obiettivo di migliorare l’incontro tra la domanda e l’offerta di servizi e prodotti. Il nostro punto di riferimento è il mondo del Project Management, e quello che vogliamo fare è aggregare attorno al PMexpo tutto ciò che lo riguarda. 
Le opportunità sono tantissime in ambiti completamente diversi e te ne cito solo alcuni:
  • Consulenza
  • Software per il Project & Portfolio Management
  • Formazione
  • Editoria
  • Comunicazione verbale e linguaggio del corpo
  • Pubblica amministrazione
  • Ricerca scientifica
  • Associazioni
La nostra idea è di creare un polo di aggregazione con l’obiettivo di accentrare le migliori professionalità e competenze, affinché le aziende che hanno prodotti e servizi da proporre, possano trovare una più facile collocazione sul mercato. Mentre le aziende che cercano tali competenze possano identificarle con maggiore facilità.


Chi sono gli enti promotori dell'evento?
Il PMexpo è un’iniziativa dell’Istituto Italiano di Project Management, dove ha preso vita per poi diffondersi e crescere all’esterno.  
Promotori sono anche tutte le aziende che hanno deciso di aderire all’iniziativa, quando era ancora un progetto sulla carta. E’ anche grazie a loro che è nato e cresciuto il PMexpo. Grazie alla visione di alcuni imprenditori illuminati, che nonostante il periodo non facilissimo, hanno una concezione dell’azienda proiettata verso la crescita. Sai, da queste iniziative ti rendi conto che c’è un’Italia forte con un tessuto imprenditoriale attivo e in assoluto movimento.

Esistono altri eventi simili in Italia?
Attualmente esistono diverse iniziative anche di successo orientate al mondo del Project Management. Ma nessuna è focalizzata in modo così forte e con un strategia che abbraccia ogni ambito di questa disciplina. Una delle cose più affascinanti di ISIPM e che si tratta di un’associazione di persone che liberamente si dedicano al Project Management. Non essendoci dietro l’interesse di nessuna lobby si ha la totale libertà di espressione, senza la preoccupazione di scontentare o favorire qualcuno. In questo il modello ISIPM è assolutamente efficace, ed ha permesso di organizzare un evento con un posizionamento unico.

Quali aziende hanno già aderito alla vostra iniziativa?
Attualmente hanno aderito alla nostra iniziativa otto realtà dalle diverse competenze, e con un portafoglio differenziato in termini di prodotti e servizi offerti. I partner che ad oggi hanno aderito all’iniziativa in qualità di main sponsor, e a cui rinnovo il mio personale ringraziamento per aver compreso lo spirito dell'Expo, e confermato la loro presenza sono:
  • Alitur – università di Tor Vergata
  • BMT Italia
  • Cardinis SolutionsiSYS – Innovative System
  • MPI Solutions spa
  • QRP International
  • Rooshu Italy
  • Sanmarco Informatica
Non escludo che altre aziende si aggiungeranno in questi giorni.

Come si svolgerà l'EXPO? Quali saranno i principali contenuti che proporrete ai visitatori? 
L’evento avrà la durata di una giornata e si svolgerà il 26 Novembre. Il cuore della giornata sarà costituito dai workshop che saranno tenuti dagli sponsor. Considera che ogni sponsor avrà a disposizione sette workshop diversi per presentare gli argomenti che preferisce. Questo vuol dire che avendo otto sponsor, e sette workshop per ognuno nell’arco della giornata, offriremo contenuti che raggiungeranno 56 argomenti diversi. Béh, non vorrei sembrarti presuntuoso, ma in Italia non si è fatto mai nulla di simile specificatamente per il mondo del Project management. 
Ogni visitatore potrà scegliere liberamente a quali workshop partecipare durante i sette slot disponibili tra la mattina e il pomeriggio. La cosa fondamentale sarà registrarsi seguendo l’apposita procedura sul sito di ISIPM. 

L’agenda della giornata sarà la seguente:

09:00 – 09:30 Registrazione partecipanti
09:30 – 10:45 Apertura lavori e introduzione
11:00 – 13:00 Workshop della mattina (4)
13:00 – 15:00 Pranzo
15:00 – 16:30 Workshop pomeridiani (3)
16:30 – 16:45 Pausa caffè
16:45 – 17:30 Chiusura lavori
17:30 – 18:00 Estrazione premi

Chiuderemo la giornata con una piccola sorpresa per tutti i partecipanti estraendo dei premi messi in palio dagli sponsor.

Un evento settoriale quindi, ma chi vi aspettate di trovare il 26 novembre a Roma?
Non definirei il PMexpo un evento prettamente settoriale, perché il Project Management è una disciplina trasversale per definizione. Diciamo che è un evento dedicato al mondo del Project Management. Quindi ci aspettiamo aziende e professionisti da diversi settori industriali, rappresentanti del mondo della Pubblica Amministrazione e dell’Università.


Quali sfide state affrontando per far conoscere il Project Management alla P.A. e alle imprese italiane? 
In questi anni ISIPM ha lavorato molto, sta ancora facendo tanto per diffondere la cultura del Project Management. In particolare ISIPM organizza regolarmente congressi, giornate di orientamento e formazione professionale completamente gratuite.
Inoltre tra le tante iniziative dell’Istituto, c'è il programma di certificazione ISIPM base, che nasce con l’obiettivo di diffondere all’interno di tutte le organizzazioni una conoscenza di base nella disciplina del Project Management.

Per quale ragione un imprenditore dovrebbe investire parte del proprio budget in un prodotto o servizio di Project Management?
Ti rispondo secco: perché il Project management è la chiave per realizzare innovazione. Le idee hanno bisogno di essere trasformate in qualcosa di concreto. Il Project Management è il miglior strumento di supporto per realizzare questa trasformazione.


Quindi la professione del Project Manager, ed il Project Management come disciplina, possono contribuire a far uscire l'Italia dalla crisi?
Personalmente ne sono convinto ed è la ragione per cui ho scelto questa professione. Anche per questo mi impegno nella diffusione culturale della nostra disciplina.

Ricordiamo che l’evento si svolgerà il 26 Novembre p.v. presso il centro congressi SGM in via Portuense 741. Per tutte le informazioni in merito alle iscrizioni si può fare riferimento al sito www.isipm.org.

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Accesso rapido