Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Ebay, nuove vetrine per le PMI

Il sito d’aste potenzia l’offerta per i venditori professionali
di Mirko Zago
Mirko Zago è laureato in scienze della comunicazione all'università di Bologna e appassionato di editoria online. Da sempre attratto dal mondo della Rete e del business, scrive per diverse realtà, trattando di imprenditoria, nuove tecnologie e IT
105 milioni di utenti rappresentano un bacino ghiotto. Tanti sono gli utilizzatori del sito d’aste numero uno al mondo. Ebay è l’esempio piĂą palese assieme ad Amazon di come la bolla delle Dotcom degli anni 90 non abbia mietuto solo vittime. All’origine del successo vi sono intuizione, competenza e capacitĂ  di assecondare il mercato. La baia del commercio elettronico cerca oggi di sfruttare il suo enorme bacino di utenza e il suo valore (nel 2011 il giro d’affari è stato di 62 milioni di dollari) per stuzzicare il mercato B2C. 

Tra gli imprenditori è chiara la volontĂ  di utilizzare il Web come canale supplementare di vendita. Conquistare nuove fette di mercato e competere con una concorrenza sempre piĂą globale e quanto mai agguerrita sono obiettivi che fanno della rete necessitĂ  virtĂą.  Dal 2001 sono giĂ  31mila le imprese e professionisti che hanno scelto di aprire una vetrina su Ebay. Oggi l’azienda californiana ha deciso di allargare e potenziare i servizi presentando una nuova area professionale. “L’Area Professionale di eBay è stata una conseguenza diretta degli interlocutori di eBay e una richiesta dettata dalle esigenze di crescita e sviluppo del mercato professionale online, indicata dell’Agenda Digitale”. Ha spiegato Barbara Bailini, seller marketing & communication eBay.it, durante una conferenza stampa dedicata all’evento.

Contando sulla collaborazione di Netcomm e le associazioni di categoria Ebay è riuscita a creare una piattaforma oltre che tecnicamente all’avanguardia anche affidabile e sicura. L’intero team di lavoro attivo nella gestione dell’area per i professionisti è particolarmente impegnato nel bloccare sul nascere eventuali frodi commerciali ponendo un occhio di riguardo per il fenomeno della contraffazione. Totale sicurezza per gli acquirenti dunque e facilità di vendita per i player

Gli strumenti dati in mano agli imprenditori sono intuitivi ed accompagnati da guide, consigli di altri venditori e il supporto del centro assistenza online. I numerosi tutorial messi a disposizione aiutano in maniera chiara a creare annunci efficaci e ad offrire una transazione tracciata e ben definita.

Anche Ebay come le imprese che credono in questo canale investe molto sull’apertura internazionale del mercato. E’ per questo che la gestione delle vendite in altri Paesi è pienamente supportata, anzi incoraggiata. Il contenimento dei costi, le questioni di natura legale dall’Iva alla fatturazione e alla normativa di ogni Paese sul diritto di recesso e le vendite a distanza sono tutti temi a cui Ebay tiene a dare risposta puntuale. 

I punti di forza
Ebay è ben cosciente del forte appeal su cui può contare. E i numeri le danno ragione. E’ la stessa azienda a citare cinque motivazione per cui un investimento nella piattaforma può portare benefici per il mercato:
  1. Milioni di clienti in tutto il mondo: con oltre 30.000 aziende giĂ  attive sul sito italiano, eBay.it si afferma come partner essenziale per stimolare la crescita delle vendite online di aziende di ogni dimensione, ponendosi come canale complementare alla loro attivitĂ  di e-commerce. Con oltre 8 milioni di visitatori unici al mese in Italia e oltre 100 in tutto il mondo, eBay consente ai venditori di accedere a una vastissima base di nuovi potenziali clienti.
  2. Una comoda partenza: aprire  una attivitĂ  su eBay è una questione di pochi minuti. E continuare è ancora piĂą semplice, grazie agli strumenti pensati apposta per facilitare la messa in vendita degli oggetti e a quelli per gestire il tuo business in maniera facile e veloce.
  3. Cominciare non costa nulla:  che si tratti di un venditore professionale o di un Negozio Premium, su eBay si paga solo se si vende. Inoltre con eBay si evtano tutti i costi di costruzione e gestione di uno spazio Web.
  4. Pagamenti facili e sicuri: usando PayPal la ricezione dei pagamenti è automatica, veloce e sicura, senza bisogno di seguire ttutti i passaggi della transazione.
  5. Un Negozio per promuovere la tua attivitĂ : aprendo un Negozio eBay sarĂ  possibile mantenere controllo tutte le tue inserzioni e la gestione della propria attivitĂ , usando tutti gli strumenti di vendita e di marketing per raggiungere ancora piĂą acquirenti.

Come funziona l’Area Professionale
Per diventare un venditore professionale occorre innanzitutto essere in possesso di Partita IVA che abiliti ed esercitare come tale. Questo passaggio è dato per scontato ma recenti verifiche hanno portato a galla numerosi casi di falsi negozianti che si spacciavano come tali. Si prosegue attivando l’account, registrandosi come venditore professionale ed accettando il contratto di utilizzo. Chi è già registrato può diventare venditore professionale semplicemente accedendo sul menu de Il mio Ebay alla voce Cambia in account professionale.
Il passo successivo prevede di aprire un conto Paypal, la forma/canale di pagamento prediletto in Ebay ed associarlo al proprio account professionale. A questo punto il terreno è pronto per aprire il negozio come venditore professionale contando su assistenza maggiore rispetto ai normali utilizzatori; tariffe d’inserzione ridotte, commissioni sul valore finale vantaggiose per i titolari di Negozi Premium, tariffe dedicate per la vendita di prodotti Hi-Tech per i Negozi Premium, inserzioni visibili nella ricerca principale con durata da 3 fino a 30 giorni, strumenti di marketing appositi (newsletter, promo incrociate, depliant promozionali) e per finire strumenti di reportistica. 
Se l’attività prevede di gestire un elevato numero di transazioni commerciali viene offerto uno strumento chiamato Gestore delle vendite plus che permette di gestire con più facilità il magazzino e ottimizzare la tua attività, grazie a statistiche e analisi sull'andamento delle tue performance. Si tratta di un servizio del costo di 3,95 € al mese che consente di: controllare il magazzino e di ricevere un avviso quando gli oggetti stanno per esaurirsi, vendere in modo intelligente individuando la percentuale di successo e il prezzo medio di vendita dei prodotti, inviare email e commenti di feedback, stampare i documenti di vendita per più acquirenti contemporaneamente, ridurre il carico di lavoro automatizzando alcuni processi post-vendita, avere una situazione più chiara degli affari creando statistiche mensili per tutte le attività di vendita, archiviare, tenere traccia e gestire più offerenti non paganti e richieste di Commissioni sul valore finale in una sola volta.
Prima di avventurarvi nel mondo delle vendite online, seppur all’interno di una piattaforma che mette a disposizione strumenti facili e consulenza, occorre adottare uno schema organizzativo pratico che comprenda un’analisi dei costi, una previsione di guadagno, le forme di pagamento contemplate, un’organizzazione delle spedizioni celere, così come una corretta cura della corrispondenza telematica con gli acquirenti. 

Costi
Per permettervi di vendere all’interno di questo magnifico centro commerciale, Ebay chiede un corrispettivo in cambio. A seconda del tipo di vendita i prezzi per le inserzioni variano da pochi centesimi a diversi euro, così come variano le fee (si potrebbe paragonare ad un canone di affitto) da pagare mensilmente affinchè  il negozio rimanga aperto. Questa cifra varia da 19,95 € per un utente professionale base, 39 € per un utente premium e 299,95 per un utente premium internazionale. Le tariffe per le inserzioni variano a seconda del range previsto per il prezzo di partenza. Si dovrĂ  poi considerare una commissione sul venduto pari al 5% per le categorie tech (audio, TV, elettronica, informatica, fotografia, video, telefonia fissa e mobile, strumenti musicali,  elettrodomestici, monitor, navigatore GPS, console) e del 10% per tutte le altre. Vi sono poi tutta una serie di servizi che permettono di guadagnare visibilitĂ  con prezzi variabili dai 15 centesimi a qualche euro. Soluzioni multiple sono permesse, considerando però che a quel punto il margine di guadagno si assottiglierĂ  sempre piĂą, anche se a dall’altra parte della medaglia si ha una maggior probabilitĂ  di vendita.
E’ giusto ricordare che la forma di pagamento piĂą in voga in Ebay è Paypal, in quanto rapida, sicura, comoda ed offre un sistema di protezione per gli acquirenti in caso di frode. Il venditore che incassa tramite questa forma di pagamento però dovrĂ  accollarsi una commissione che varia dal 1,8% al 3,4% a seconda dell’importo della merce venduta +  un fisso pari a €0,35 €. Morale della favola occhio ai costi e alle valutazioni sui guadagni. Se contate di marginare un 10-15% probabilmente il gioco non vale la candela. D’altronde la bravura dell’imprenditore è data in buona parte dalla capacitĂ  di compiere una corretta analisi di fattibilitĂ .

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Accesso rapido