Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Alla conquista della prossima frontiera dell’impresa moderna – i dati periferici

I dati che si trovano all’esterno del data center sono tanto importanti per il successo di un’organizzazione quanto quelli che sono contenuti al suo interno, ma spesso non sono protetti in modo affidabile. Ecco le soluzioni per porre rimedio
di Cristian Meloni
District Manager, CommVault Italia
Con una quantitĂ  sempre maggiore di dati critici alla “periferia” delle imprese, presso filiali ed uffici remoti (Remote Office Branch Office, o ROBO) e su sistemi client, la capacitĂ  di proteggere in modo affidabile questi dati e ripristinarli velocemente, è diventata ancor piĂą fondamentale in un’ottica di continuitĂ  del business e produttivitĂ  dell’utente finale. Inoltre, una forza lavoro sempre piĂą mobile sta creando e condividendo quantitĂ  maggiori di dati al di fuori del tradizionale controllo di chi ha il compito preciso di proteggerli. Se le organizzazioni non sono in grado di rispondere a queste sfide in maniera efficace ed efficiente, si trovano a fronteggiare rischi di business legati alla perdita o alla necessitĂ  di ricreare dati periferici non sufficientemente protetti, senza sapere quali dati esistano in un determinato ambiente e senza la capacitĂ  di ritrovarli nel caso di un’azione legale o in rispetto di regole di compliance. Proteggere e ripristinare dati presso siti remoti e sugli endpoint utilizzando tecnologie legacy impegna fortemente le limitate risorse disponibili, richiede competenze spesso non presenti e presenta elevate possibilitĂ  di fallimento. Inoltre, questi sistemi isolati possono essere costosi da implementare e gestire. Nel caso di un disastro a livello di sito – una calamitĂ  naturale, un errore umano, virus o falle di sicurezza – le organizzazioni devono poter contare su una copia dei dati rilevanti archiviata in sicurezza, lontana dall’ufficio remoto che ospita la copia originale, ma sempre accessibile in modo semplice e veloce. Senza una strategia centralizzata, le aziende corrono il rischio di perdere dati, cosa che si può ripercuotere in una riduzione della capacitĂ  operativa e della produttivitĂ  dei dipendenti, oltre a numerose altre conseguenze sul business. 

Le problematiche di Data Management di ROBO ed utenti finali 
I dati che si trovano all’esterno del data center sono spesso tanto importanti per il successo di un’organizzazione quanto quelli che sono contenuti al suo interno. Nonostante ciò, spesso questi dati non sono protetti in modo affidabile a causa di un’ampiezza di banda insufficiente, della carenza di personale IT specializzato presso i siti remoti e dei costi elevati dovuti alla gestione di ambienti multipiattaforma distribuiti. 

A fronte di una continua crescita del volume di dati creati ed immagazzinati alla periferia delle organizzazioni, i tradizionali strumenti di protezione e gestione dei dati hanno perso man mano la capacità di proteggerli in modo semplice e di garantire continuità al business. Le attività di data management ricadono sul personale presente presso i siti remoti, spesso non specializzato in IT, con un carico significativo e continuamente crescente all’aumentare della mole dei dati. Affidare agli utenti finali il compito di eseguire i propri backup mette a rischio i dati e limita la visibilità sui dati presenti nell’ambiente. Inoltre, in assenza di una regola semplice di recupero dei propri dati da parte degli utenti finali nell’ambito di un piano centralizzato di protezione, lo staff IT si troverà con ogni probabilità oberato dalle richieste di recupero di file per conto di altri.

Downtime, fatica di ricreare gli asset e perdita di dati - le conseguenze della mancata protezione o dell’impossibilitĂ  di recuperare dati - sono costose. Che si tratti di mettere offline importanti sistemi di produzione per effettuarne il backup o per recuperare dati, il downtime può avere un impatto significativo sulla mission stessa di un’organizzazione, sul fatturato aziendale, sulla produttivitĂ  dei dipendenti e sulla soddisfazione dei clienti. In caso di blocco temporaneo, di disastro o di corruzione di dati applicativi, diventa critico poter accedere a una copia dei propri dati che sia piĂą recente del backup effettuato la notte scorsa o la settimana passata. Si deve poter recuperare velocemente file specifici, o riportarli a precisi punti nel tempo, in modo da prevenire la perdita di dati o di recuperarli dalla corruzione. E’ ora di rendere moderno l’approccio al backup per i dati che si trovano nei ROBO e sugli endpoint, con un’unica piattaforma. Il software Simpana sostituisce i datati sistemi tradizionali di backup che non sono stati in grado di mantenersi all’altezza delle crescenti sfide di business dei data center ed hanno contribuito alla complessitĂ  della gestione, all’incremento esponenziale dei costi, mettendo a rischio i dati sensibili. 

Il problema dell’estensione della strategia tradizionale di backup utilizzata nei data center ai dati che si trovano presso ROBO ed endpoint è la sua scarsa convenienza a livello di costi in caso di implementazione su ogni sito remoto. Le strategie tradizionali richiedono software e hardware aggiuntivi per il backup, costosi da acquisire e mantenere. Richiedono anche risorse tecniche non sempre disponibili presso i siti remoti. Al contrario, molte organizzazioni fanno utilizzo di nastri locali per il backup dei dati presso filiali ed uffici remoti. Ma questo approccio porta con sĂ© un carico operativo ed amministrativo non indifferente. Ad esempio, quando i nastri vengono inviati all’esterno, la sicurezza diventa un problema – non sono rare esperienze di nastri smarriti nel trasferimento o consegnati al cliente sbagliato. Per le organizzazioni che non usano il nastro, ma lanciano backup di grandi dimensioni via cavo da sedi remote ad un data center centrale, il problema è rappresentato dalla scarsitĂ  di ampiezza di banda. Infine, anche altri metodi quali l’utilizzo di differenti appliance specifiche o di dischi e strumenti di replica locali non si rivelano ideali perchĂ© aggiungono costi e complessitĂ  se non sono parte di una soluzione unificata per la gestione dei dati lungo l’intera azienda. 

Trovare una soluzione efficiente per la protezione dei dati distribuiti diventa un’esigenza pressante per le aziende in numerosi casi. Ad esempio, possono avere la necessitĂ  di centralizzare e consolidare le proprie attivitĂ  per la carenza delle risorse necessarie a proteggere e ripristinare in modo affidabile localmente i dati presso siti remoti o sui desktop o laptop. Oppure possono voler implementare una strategia di disaster recovery conveniente, che sfrutti siti remoti o ambienti virtuali. E questo può comprendere la distribuzione efficiente di copie dei dati di backup su disco verso un altro sito, con l’obiettivo di migliorare i valori RTO/RPO mantenendo una copia attuale dei dati, per rendere possibile un ripristino al tempo stesso veloce e granulare a momenti specifici nel tempo. In entrambi i casi, le aziende intendono sfruttare le tecnologie che riducono i requisiti di ampiezza di banda a livello di WAN, poichĂ© per molte organizzazioni i limiti delle risorse di rete inibiscono nei fatti la capacitĂ  di proteggere centralmente i dati. 

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

Accesso rapido