Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Coworking for: nasce il motore per la condivisione di spazi di lavoro

Prende il via una piattaforma online che consente di far incontrare chi offre e chi cerca spazi lavorativi, un fenomeno in continua espansione che prende il nome di coworking e che consente a differenti realtà professionali di entrare in contatto tra loro stimolando nuove esperienze
di Giovanni Garro
1970. Esperto in tecnologie e consulente informatico. Collabora con diverse testate giornalistiche e siti internet nel settore IT, prima tra tutte Edizioni Master (Win Magazine, Quale Computer, Computer Di Più, Idea Web, Corso Avanzato per Mac e iPhone, App Magazine, Le Mie App).
La pratica del coworking è già diffusa da un po’, ma mancava un vero e proprio motore di ricerca che permettesse di trovare gli spazi condivisi. Coworking for colma questa lacuna offrendo una piattaforma facile e pratica per favorire l’incontro tra domanda e offerta.
Gli spazi utilizzati per il coworking possono essere un qualsiasi ambiente fisico, come postazioni di lavoro, stanze ufficio, scrivanie, sale riunioni, sale corsi, sale conferenze, uffici virtuali e altro. Oggi sono sempre più i professionisti che per lavoro devono spostarsi da un luogo all’altro e non possono dotarsi di una sede fisica per una serie di motivi. Basti pensare ai free lance, ma anche a liberi professionisti, start upper o gruppi di lavoro che si trovano ad aver bisogno di un ambiante in cui poter svolgere temporaneamente la loro attività.

Coworking for funziona in modo molto semplice. Chi cerca uno spazio può trovarlo attraverso il motore di ricerca, affinare l’elenco dei risultati e prenotare quello scelto fornendo come garanzia la propria carta di credito. La prenotazione potrà essere disdetta entro le 24 ore precedenti il check in. Il saldo viene fatto direttamente a chi mette a disposizione lo spazio: solo in caso di mancata disdetta, l’addebito sarà scalato dalla carta di credito.

Chi invece offre lo spazio, dovrà compilare l’annuncio corredandolo di descrizione, indirizzo, foto eventuale e naturalmente il prezzo. L’inserimento degli annunci è gratuito, ma si può aumentarne la visibilità pagando una piccola tariffa. Su ogni prenotazione effettuata attraverso il portale Coworkingfor prende il 15%, somma che sarà regolarmente fatturata per i servizi resi.  

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

Accesso rapido