Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Bonus energetico al 65%: ecco chi sono i beneficiari

Il decreto approvato dal Cdm prevede l’aumento della detrazione dell’imposta lorda per le spese di miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici dal 55% attuale al 65% degli importi rimasti a carico del contribuente
di Flavio Calcagno
Flavio Calcagno è junior project manager e si occupa principamente di project planning e opportunitĂ  di investimento. Laureato in Scienze Politiche e specializzato in Governo dell’Unione Europea e Politica Internazionale è da sempre affascinato dal mondo dell’editoria e dell’informazione digitale. Scrive per conto di diverse realtĂ  in ambito sociale e imprenditoriale. 
Con l’approvazione del bonus energetico al 65% da parte del Cdm arriva finalmente una boccata d’ossigeno per le imprese italiane. O almeno così l’ha definita Claudio Andrea Gemme, Presidente di Anie Confindustria, la Federazione delle imprese elettriche ed elettroniche. Con oltre 1.200 aziende associate e circa 450.000 occupati infatti, la Federazione si aspetta ricadute positive del decreto su diversi settori: dall’impiantistica elettrica in generale (impianto elettrico, cablaggio) a quella specialistica (impianti di illuminazione, di sicurezza, di automazione integrata, impianti fotovoltaici).

Il provvedimento, che recepisce la direttiva 2010/31/UE, mira a dare un'adeguata risposta alla necessaria e urgente esigenza di favorire la riqualificazione e l'efficienza energetica del patrimonio immobiliare italiano in conformità al diritto dell'Unione Europea e nell’approssimarsi della scadenza degli attuali benefici.

Obiettivi specifici dunque, sono: il miglioramento della prestazione energetica degli edifici; lo sviluppo, la valorizzazione e l'integrazione delle fonti rinnovabili negli edifici; il sostegno della diversificazione energetica; la promozione della competitivitĂ  dell’industria nazionale attraverso lo sviluppo tecnologico; il  conseguimento degli obiettivi nazionali in materia energetica e ambientale.

Con il nuovo decreto legge in particolare, si prevede la detrazione dell’imposta lorda per le spese documentate sostenute a partire dal 1° luglio 2013 fino al 31 dicembre 2013 o fino al 31 dicembre 2014 (per le ristrutturazioni importanti dell'intero edificio), per una quota superiore al 55% attuale, e pari quindi al 65% degli importi rimasti a carico del contribuente, ripartita in 10 quote annuali di pari importo. 

Nel provvedimento si precisa che, chi installa pompe di calore e impianti geotermici deve concludere e pagare i lavori entro il 30 giugno, così come chi sostituisce scaldacqua tradizionali con quelli a pompa di calore, finalizzati alla produzione di acqua calda e sanitaria. La proroga invece, è valida fino al 31 dicembre 2013 per l'installazione di pannelli per l’acqua calda alimentati da energia solare, impianti di climatizzazione (per esempio, caldaie a condensazione), isolamento delle pareti o coibentazione dei sottotetti contro la dispersione termica, l’installazione di finestre e infissi che aumentano l'efficienza energetica dell’abitazione. 

L’obiettivo generale da raggiungere nel lungo termine è il rispetto, entro il 31 dicembre 2020, della normativa europea che vuole tutti gli edifici di nuova costruzione a “energia quasi zero”. 

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Accesso rapido