Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Incentivi Conto termico: ecco chi può presentare le domande

Pubblicato sulla “Gazzetta ufficiale” il decreto per accedere agli incentivi del Conto Termico. Pa e privati potranno presentare le domande entro il 21 agosto
di Flavio Calcagno
Flavio Calcagno è junior project manager e si occupa principamente di project planning e opportunitĂ  di investimento. Laureato in Scienze Politiche e specializzato in Governo dell’Unione Europea e Politica Internazionale è da sempre affascinato dal mondo dell’editoria e dell’informazione digitale. Scrive per conto di diverse realtĂ  in ambito sociale e imprenditoriale. 
A partire da oggi sarà possibile presentare le domande di iscrizione per accedere agli incentivi del Conto Termico. La procedura, prevista dal decreto dei ministeri dello Sviluppo economico e dell'Ambiente del 28 dicembre 2012, pubblicato sulla “Gazzetta ufficiale” del 2 gennaio 2013, si riferisce agli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con sistemi dotati di pompa di calore o di generatori di calore alimentati a biomasse, con potenza termica nominale complessiva superiore a 500 kW e fino a 1 MW.

 A tal proposito, il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha messo a disposizione un fondo di 900 milioni annui (700 per i privati e il resto riservato alla Pa) per il sostegno economico dei piccoli interventi di miglioramento energetico degli immobili.

In particolare, due sono gli interventi per cui ottenere il contributo: 
  • il primo è riservato all’uso della Pubblica Amministrazione, che comprende azioni per incrementare l’efficienza energetica di edifici esistenti, quali ad esempio l’isolamento e la schermatura solare, la sostituzione di infissi o di vecchi impianti per la climatizzazione invernale con generatori a condensazione;
  • il secondo, invece, per i privati, riguarda piccoli interventi di sostituzione di impianti obsoleti, sia per il riscaldamento, sia per la produzione di acqua calda sanitaria, con nuovi apparati alimentati da fonti rinnovabili o tramite sistemi ad alta efficienza.
Le risorse a disposizione per le opere che devono passare attraverso l’iscrizione al registro, sono di 7 milioni per la Pa e 23 per i privati. I possibili beneficiari sono sia le amministrazioni pubbliche, sia i privati (persone fisiche, condomini o soggetti titolari di reddito d'impresa o agrario) che dovranno inoltrare domanda per via telematica sul Portaltermico e stipulare il contratto con il Gse entro le ore 21 del primo agosto 2013.

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Accesso rapido