Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Pressione fiscale record: per le Pmi 1 scadenza ogni 3 giorni

Secondo uno studio della Cna, una piccola impresa individuale manifatturiera deve sottostare ogni anno a 70 scadenze fiscali con una media di una ogni 3 giorni. Intanto la notevole pressione fiscale fa slittare luglio il giorno della liberazione fiscale
di Flavio Calcagno
Flavio Calcagno è junior project manager e si occupa principamente di project planning e opportunità di investimento. Laureato in Scienze Politiche e specializzato in Governo dell’Unione Europea e Politica Internazionale è da sempre affascinato dal mondo dell’editoria e dell’informazione digitale. Scrive per conto di diverse realtà in ambito sociale e imprenditoriale. 
Le Pmi hanno una scadenza tasse ogni 3 gg. A rivelarlo è uno studio della Cna, la Confederazione Nazionale dell’Artigianato, secondo il quale una piccola impresa individuale manifatturiera con tre dipendenti e un collaboratore, deve sottostare ogni anno a 70 scadenze, dall'Iva all’Irap, dalla Tares all’Imu, ovvero più di una scadenza ogni 5 giorni, che diventa “ogni 3 giorni” se si tiene conto delle 230 giornate lavorative effettive in 12 mesi. Lo studio in particolare, ha fatto riferimento agli adempimenti fiscali svolti ogni anno da una piccola impresa individuale manifatturiera in contabilità ordinaria, che svolge una decina di operazioni all’anno con l’estero, e che ha avuto un appalto e un subappalto.

Oltre all’Unico, alla dichiarazione Irap o alla presentazione del modello degli studi di settore, ci sono 12 scadenze l’anno per l’Iva, quattro per la Tares e tre per l’autocertificazione Iva delle ritenute sugli appalti, fino ad un totale di circa 70 appuntamenti con il fisco in un solo anno.

A livello geografico, se da un lato le tasse erariali (Irpef e contributi versati alla cassa artigiani) sono uguali ovunque, dall’altro quelle locali hanno un peso diverso a seconda dell’area di riferimento. Il Centro studi della Cna, ha preso come prototipo delle botteghe italiane la realtà di una piccola impresa fiorentina individuale con cinque dipendenti a tempo indeterminato (quattro operai e un impiegato), due locali (un laboratorio di 350 metri quadri, un magazzino con spazio espositivo da 175), e un reddito annuo di 48 mila euro. Ebbene, nel calcolo nei ventuno capoluoghi del peso delle tasse, quelle erariali sono risultate uguali dappertutto, quelle locali invece, sono risultate soggette a contraddizioni. Lo stesso laboratorio in zona semi centrale ha un valore catastale di 603 mila euro a Bologna, ma poco più di 66 mila euro a Palermo, mentre quello del negozio invece, varia tra i 397 mila euro emiliani e i 100 mila di Potenza. Si tratta di una variabilità “iniqua” secondo la Cna, che incide molto sul peso del prelievo locale. Infatti, se a livello statale il prelievo risulta costante dal 2011 (attorno al 37%), a livello locale  è passato dal 23,5% del 2011 al 28,61% del 2012, e nel 2013 potrebbe salire ancora al 32,3% qualora gli enti locali aumentino al massimo le aliquote. 

Sempre in tema di tassazione, la Cgia di Mestre ha rilevato inoltre che, quest’anno sono stati necessari ben 162 giorni per assolvere agli obblighi fiscali e contributivi richiesti dallo Stato, un fatto mai accaduto nella storia recente italiana. Colpa proprio del forte aumento registrato in questi ultimi anni dalla pressione fiscale, che, nel 2013, raggiungerà il record storico del 44,4% del Pil.
Quest'anno - sottolinea Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre - pagheremo mediamente 11.800 euro di imposte, tasse e contributi a testa. E in questo conto sono compresi tutti i cittadini, anche i bambini”.
Il dato della pressione fiscale, già allarmante, diventa ancora più preoccupante se dal Pil nazionale viene stornata la quota di economia sommersa conteggiata a seguito di una convenzione internazionale recepita da tutti i Paesi, per cui diventa possibile calcolare la pressione fiscale “reale” che grava sui contribuenti “onesti”. 
Ebbene, per l’anno in corso, la pressione fiscale “reale” si attesta ad un valore massimo del 53,8%, un livello di tassazione che fa slittare il giorno della liberazione fiscale per i contribuenti fedeli al fisco a oltre la metà dell'anno, ovvero il 16 luglio.

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

Accesso rapido