Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Le Stp saranno disciplinate come studi associati

Il reddito prodotto dalle Stp sarĂ  tassato come lavoratore autonomo. Questo quanto previsto dal disegno di legge all'esame in queste ore presso il consiglio dei ministri
di Giovanni Garro
Il disegno di legge che è all’esame del Consiglio di ministri contiene anche una norma che stabilisce che alle Società tra professionisti, dette Stp, deve essere applicato lo stesso regime fiscale degli studi associati e di conseguenza tassare i profitti come reddito proveniente da lavoro autonomo.

Le Stp nate dalla riforma delle professioni, consentono di far entrare nel capitale anche soci esterni che non sono professionisti, a patto che costituiscano una minoranza. L’art. 10 della legge 12 novembre 2011, n. 183 che ne regolamenta la costituzione, non chiarisce però il regime fiscale che deve essere applicato agli utili che verranno conseguiti.

Per colmare questa mancanza normativa, il Governo ha inserito nel Ddl che è in questa ore allo studio, proprio una norma per chiarire questo aspetto. In sostanza le Società tra professionisti saranno disciplinate come Studi associati e il reddito che producono sarà tassato come lavoro autonomo. Prevale quindi l’attività “autonoma” sulla forma societaria.

Il Ddl contiene anche altre norme riguardanti i professionisti come il fatto che le prestazioni di vitto e alloggio acquistate dal cliente non possono essere considerate compensi in natura e non sono deducibili totalmente se sostenute per conto del professionista che le ha addebitate in fattura.

Viene poi aumentato il tetto massimo per chiedere la detraibilità dell’Iva dalle spese di rappresentanza portandolo a 50 euro per ogni bene acquistato. I sostituti d’imposta potranno inoltre recuperare quanto dovuto per le prestazioni offerte attraverso un meccanismo di compensazione dopo un mese dalla trasmissione della dichiarazione.

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Accesso rapido