Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

In pensione piĂą giovani ma con meno soldi

Questa è uno dei provvedimenti al vaglio del Governo per correggere la riforma Fornero che con l’innalzamento dell’età pensionabile ha fatto sì risparmiare diversi miliardi all’Inps ma che ha anche generato non pochi problemi come quello degli esodati
di Giovanni Garro
Così, il Ministro del Lavoro Enrico Giovannini, insieme al Ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni, stanno pensando a una piccola controriforma che prevede una maggiore flessibilità per il sistema pensionistico. In parole molto semplici, si vuol dare al lavoratore la possibilità di scegliere se andare prima o dopo in pensione rispetto all’età fissata dei 66 anni.

Tale opzione sarà prevista solo per coloro che hanno maturato i 35 anni di contributi. Chi decide di anticipare la pensione, si vedrà ridotto l’assegno dell’Inps di una percentuale che dipenderà proprio dall’età. Tale taglio dovrebbe essere dell’8% per chi sceglie di andare in pensione a 62 anni, del 6% per i 63 anni, del 4 % per i 64 e del 2% per i 65. Allo stesso modo, chi sceglie di continuare a lavorare oltre i 66 anni, riceverà un bonus del 2% se va in pensione a 67 anni, del 4% se ci va a 68 anni e così via.

Chi, invece, matura 41 anni di contributi, può scegliere di anticipare l’età pensionabile senza dover subire alcuna decurtazione dall’assegno dell’Inps. Il problema maggiore da risolvere è quello della copertura, visto che i conti pubblici non si possono permettere ulteriori misure avventate dopo il rinvio dell’Imu sulla prima casa e sull’aumento dell’Iva.

Il taglio alle pensioni d’oro, che qualcuno aveva preso in considerazione, non sarebbe praticabile perchĂ© incostituzionale secondo una recente sentenza della Corte Costituzionale. Una mano potrebbe venire dalle nuove assunzioni, visto che le aziende versano un’aliquota del 33% sullo stipendio, ma proprio oggi l’Istat ha fatto sapere che a maggio la disoccupazione ha raggiunto la soglia del 12,2%, la piĂą alta dal 2004. La strada per il Governo, quindi, non è affatto semplice.   

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Accesso rapido