Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Wi-Vi: in futuro avremo tutti la supervista a Raggi X!

Questa nuova tecnologia sviluppata al MIT di Boston renderà possibile rilavare la presenza di persone dietro le pareti senza dover essere Superman, anche se inizialmente dovrebbe essere impiegata solo in ambito bellico o dalle forze dell’ordine
di Giovanni Garro
1970. Esperto in tecnologie e consulente informatico. Collabora con diverse testate giornalistiche e siti internet nel settore IT, prima tra tutte Edizioni Master (Win Magazine, Quale Computer, Computer Di Più, Idea Web, Corso Avanzato per Mac e iPhone, App Magazine, Le Mie App).
Il Wi-Vi è stato realizzato da un gruppo di ricercatori del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory con a capo la dottoressa Dina Katabi. È una sorta di vista a Raggi X che consente di visualizzare la presenza di corpi umani in movimento dietro le pareti.

La sfida è stata quella di mettere a punto un sistema più economico e meno ingombrante dei classici Sonar e Radar. Per riuscirci sono stati utilizzati segnali radio a bassa frequenza, dello stesso tipo impiegato per il Wi-Fi. Le onde vengono inviate verso la parete che in parte le riflette e in parte le fa passare, proprio come avviene col segnale dei router wireless di casa. Le onde che riescono a passare oltre la parete sono a loro volta riflesse da eventuali corpi in movimento che così saranno rilevati facilmente.

Il dispositivo messo a punto con questa nuova tecnologia utilizza due antenne di trasmissione e un ricevitore. Il sistema analizza due segnali inviati in successione confrontandoli tra loro. Quelli identici riflessi dagli oggetti statici vengono eliminati mentre rimangono solo quelli dei corpi in movimento. Il tutto con un dispositivo dalle dimensioni molto contenute e quindi di facile impiego. 

Inizialmente un tale sistema dovrebbe essere impiegato in ambito bellico, ma poi potrà rivelarsi molto utile in diverse altre situazioni come nella ricerca di sopravvissuti sepolti sotto le macerie di un terremoto, per aiutare la polizia a rilevare i criminali prima di fare un irruzione in una casa o persino per comandare sistemi domotici attraverso i movimenti delle mani anche se ci si trova in un’altra stanza. 


Condividi

Tags (4)

wi-vi, raggi x, boston, mit
Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Accesso rapido