Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Guardia di Finanza: almeno 105 miliardi di capitali all'estero

Accelera la lotta ai paradisi fiscali
Redazione PMI-dome
"Non è possibile stabilire con certezza" la cifra, ha dichiarato il generale della Guardia di Finanza Francesco Mattana nel corso di un'audizione in Commissione finanze della Camera. Se però consideriamo il fatto che "l'ultima stima del ministero dell'economia e delle finanze risale a giugno 2010 ed è di 104,5 mld di euro, di cui oltre 71 mld detenuti in Svizzera", è più che plausibile che la cifra sia aumentata. Mattana ha infatti sottolineato come nel 2013 la GdF abbia scoperto quasi 300 milioni di euro in titoli e contanti trasportati illegalmente oltre i confini nazionali. 

La “voluntary disclosure”,  che è possibile fino al 30 settembre 2015 e si applica alle violazioni commesse fino al 31 dicembre 2013, è praticamente una strada obbligata per chi abbia depositato negli anni scorsi denaro in conti esteri (oppure abbia acquistato immobili all'estero) senza dichiararli al Fisco. Si tratta di una possibilità "coerente con le normative, che persegue l'obiettivo del miglioramento complessivo del clima di fiducia tra il contribuente e il fisco, migliora la tax compliance e non indebolisce i presidi anti riciclaggio", ha dichiarato Mattana. Il rientro dei capitali all'estero è infatti una "forma evoluta e speciale di ravvedimento operoso e, a differenza dei condoni e degli scudi, non è previsto l'anonimato". 

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

Accesso rapido