Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

E-commerce: Confcommercio e eBay per spingere le PMI verso l'online

Ancora troppe aziende non si fidano della vendita in rete. 
Redazione PMI-dome
Nonostante quello dell'e-commerce sia un settore in espansione, le aziende italiane sono ancora molto indietro. Stando ai risultati di una ricerca commissionata da Ebay, infatti, su 202 aziende interpellate il 92% non ha mai nemmeno considerato l'opportunità di usare l'e-commerce. Dati coerenti col fatto che l'88% di esse ritenga il commercio online poco o per nulla utile. Per il 62% degli interpellati, vendere online non farebbe aumentare il fatturato, e c'è anche un 29% convinto che sia troppo rischioso. 

Per cercare di migliorare le cose, Confcommercio ha stretto una collaborazione proprio con eBay per facilitare la migrazione delle PMI verso la vendita in rete, cercando di abbattere le ritrosie e la diffidenza mostrate fino a oggi. In pratica, le aziende che vogliano “prendere la via dell'online” potranno approfittare di una promozione allettante. Fino al 30 settembre 2016, gli associati a Confindustria potranno aprire uno store online su eBay senza pagare nulla per i primi sei mesi. Dal settimo mese la cosa avrà il costo, tutt'altro che proibitivo, di 33,91 euro al mese. 

“L'e-commerce permette alle imprese «di avvicinarsi ad una modalità di vendita sempre più importante,” ha sottolineato Alessandro Micheli, presidente nazionale dei giovani imprenditori di Confcommercio, “consentendo di raggiungere un bacino di clienti più ampio e geograficamente più lontano e, contemporaneamente offrire un ulteriore canale di contatto alla clientela locale, normalmente servita dal negozio fisico"

Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

Accesso rapido