Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

DIG.Eat 2015: È necessario investire nell'innovazione e nella formazione

Spunti di riflessione e proposte operative per la digitalizzazione. 
Redazione PMI-dome
L'edizione 2015 del DIG.Eat, svoltasi a Roma lo scorso 14 ottobre, è stata un successo. Dalle cinque tavole rotonde che si sono svolte nel corso della manifestazione sono arrivate riflessioni interessanti sull'attuale panorama della digitalizzazione in Italia, così come proposte concrete per migliorare la situazione nel futuro prossimo. Quello che segue è il comunicato stampa ufficiale rilasciato da ANORC a chiusura dei lavori.

__

Dal DIG.Eat 2015 un messaggio forte e chiaro: per innovare bisogna investire e formare nuove competenze

L’innovazione digitale per essere attuata realmente ha bisogno di interventi governativi concreti, investimenti economici, una normativa più snella e molto know how, non di soli slogan. Questa è una delle istanze più forti emerse nel corso del DIG.Eat 2015, evento annuale di ANORC sulla digitalizzazione tenutosi lo scorso 14 ottobre a Roma. Anche quest’anno il pubblico è statonumeroso e partecipe (oltre 1000 iscritti, circa 600 presenze effettive, nonostante l’allarme meteo) dimostrando un’attenzione crescente e consapevole verso le tematiche digitali a cui la manifestazione è dedicata. Nelle cinque tavole rotonde, in cui esperti, esponenti della PA e del mercato si sono confrontati tra loro, sono state messe in luce alcune esigenze principali: la digitalizzazione a costo zero non esiste, è necessario prevedere degli investimenti governativi per adeguare processi e competenze alla nuova realtà; la normativa di settore deve essere semplificata e resa più omogenea; le PA che non si adeguano alla normativa digitale devono essere sanzionatela governance digitale va centralizzata rafforzando il ruolo e i poteri di AgID; la trasparenza è un obiettivo importante e una garanzia per il cittadino, da perseguire attraverso una gestione corretta di dati e documenti; innovare è impossibile se non vengono formate adeguate competenze e professionalità che possano occuparsi correttamente di questi processi.

Durante l’evento, ANORC ha inoltre presentato due nuovi progetti associativi.

È stata annunciata la nascita della coalizione nazionale ANORC dei conservatori accreditati - che riunisce i 23 conservatori associati ad ANORC e AIFAG che hanno ricevuto l’accreditamento da parte di AgID - allo scopo di mettere in atto azioni concrete per salvaguardare il mercato comune, alimentare una concorrenza leale, chiedere la presenza di regole certe per tutti e la garanzia del loro rispetto.

Sono stati comunicati, inoltre, i primi dati dell’indagine che ANORC sta svolgendo sui siti web istituzionali della PA per verificare lo stato di attuazione delle norme che disciplinano le modalità di pubblicazione on line di dati e documenti pubblici, nonché il livello di usabilità dei servizi offerti ai cittadini tramite il sito web istituzionale: l’indagine, che per ora si è soffermata sui siti web dei 20 Comuni capoluogo di Regione e di altri 20 Comuni selezionati in base al numero maggiore di residenti, restituisce per il momento uno spaccato piuttosto desolante, con piani di informatizzazione e manuali di gestione spesso assenti e atti pubblicati nell’albo online con formati di frequente non conformi alla norma.

“Ci auguriamo che il digitale continui ad avanzare e lo faccia bene e velocemente” afferma Andrea Lisi, Presidente ANORC “e come associazione lavoriamo affinché ciò accada. È però necessaria una presa di coscienza collettiva del fatto che per realizzare un progresso concreto in questo settore non serve una modernizzazione di facciata, non è utile dare una riverniciata digitale fatta di parole a vecchi processi, occorre intervenire in profondità agendo al cuore dei vecchi sistemi, ripensandoli, e occorre ancora di più diffondere negli operatori del settore competenze digitali specifiche e sicure”.

Appuntamento quindi al prossimo DIG.Eat, che si terrà a Milano nella primavera del 2016, con un’edizione che sarà maggiormente orientata al mercato e alle sue esigenze, dando ampio spazio alle competenze digitali che ANORC Professioni sta contribuendo a definire e valorizzare, ma anche alle firme elettroniche, alla biometria e grafometria e quindi alla privacy, all’e-commerce e ai contratti IT.

Per info

www.digeat.it


Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Accesso rapido