Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Frodi on line: oltre 200 mila denunce in un anno

Il problema sembra non essere risolto. Ma la Polizia Postale italiana sta cercando di fermare il fenomeno all'origine.
di Luca De Nardo
I suggerimenti della Polizia delle Comunicazioni

Leggere molto attentamente tutte le informazioni contenute nei messaggi

Stare attenti che la connessione telefonica con la quale si è collegati a internet non venga disconnessa per comporre un nuovo numero telefonico
Non scaricare programmi se non si è sicuri della loro provenienza
Installare sul proprio pc un programma firewall

Nel corso di un convegno sulla sicurezza informatica, organizzato insieme al ministero delle Comunicazioni, il direttore della Polizia Postale Domenico Vulpiani ha presentato gli ultimi dati inerenti le frodi legate a collegamenti con numeri telefonici a tariffa maggiorata per il 2003.
Sarebbero, dunque, oltre 200 mila le denunce. Ed in media ogni truffa ha portato all'ignaro navigatore un danno di almeno pari a 100 euro.
Per esempio a metà agosto 2003, nella sola provincia di Cremona, sono state presentate 500 denunce solo per le connessioni a internet tramite il numero 709 xxxx.
Nel mese di giugno 2003, sono stati oltre 25.000 gli italiani che hanno presentato denuncia per lo stesso motivo. Ai presunti truffati sono state recapitate bollette salatissime rispetto al normale traffico telefonico.

Ma, aggiunge Vulpiani, le truffe non denunciate potrebbero essere anche molte di più. Uno dei motivi potrebbe risiedere nel fatto che alcuni numeri a tariffazione speciale non sono facilmente riconoscibili.

Passaggi per denunciare la truffa

Pagare la parte di bolletta che si riconosce
Presentare una denuncia
Per raccomandata, inviare copia di denuncia al proprio gestore telefonico con copia bollettino di pagamento

Fonte: Polizia di Stato

I numeri inquisiti che solitamente generano la truffa continuano a cambiare.
Dopo gli 899 durante l'estate era esploso il fenomeno dei 709 e ora alcuni numeri cominciano con due zeri assomigliando a prefissi telefonici internazionali.
Ma come funziona solitamente il meccanismo della truffa?
Attraverso i tipici dialer:
letteralmente compositori automatici scaricati via Internet, i quali, parzialmente "nascosti" in un file .exe autoinstallante, con massimo due nostri incauti "click" sono capaci di disconnetterci il pc dal provider al quale siamo connessi e connetterci ad un nuovo provider pre-impostato, con un costo che potrebbe aggirarsi ai 3 euro al minuto.
Rischio potenziale aggiuntivo: ad ogni nuova successiva connessione alla Rete, in alcuni casi, non verrà più utilizzata la nostra usuale connessione al provider solitamente scelto ma verrà attivata, come predefinita, quella al provider pre-impostato, con i conseguenti aggravi in bolletta.
Vulpiani, conclude con una nota di ottimismo per questo tipo di truffe: il fenomeno è in diminuzione grazie alle campagne di sensibilizzazione svolte negli ultimi mesi.
Dall'altra parte, però, il fenomeno della criminalità informatica sembra invece seguire una curva ascendente.

Luca De Nardo


Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:



A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

SE UN IMPIEGATO APRE UN E-SHOP, MEGLIO L'APPOGGIO DI UN COMMERCIALISTA

BIT 2012

La Borsa internazionale del Turismo riapre i battenti con tante importanti novità
Accesso rapido