Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Dall'agorà all'e-Marketplace - parte I

Un percorso riassuntivo su un fenomeno che, senza più l'iniziale clamore, cerca la via della propria affermazione sulla rete. Caratteristiche, tipologie e regolamentazione giuridica.
di Avv. Andrea Lisi e Avv. Monica Delle Donne

Le agorà virtuali
Se nell'antica Grecia gli scambi commerciali si sviluppavano nell'agorà - dove i mercanti, giunti da luoghi lontani, dopo aver lottato contro le tempeste scatenate dagli dei, si radunavano nella pubblica piazza e lì barattavano le merci che "profumavano" di civiltà diverse e viaggi epici - con l'avvento di Internet i nuovi mercati nascono on line: all'interno di sofisticati e-shop aperti 24 ore su 24 si sviluppano transazioni nazionali e internazionali tra consumatori, imprese, pubbliche amministrazioni. Attraverso la predisposizione di sofisticate "community virtuali" gli operatori non si spostano più dal proprio luogo di lavoro e non sostengono, quindi, costi ingenti per "raggiungere" la controparte.

I viaggi intrapresi dai nuovi operatori commerciali per arrivare in queste moderne piazze virtuali hanno forse perso le sfumature mitiche delle leggenda, ma certamente non la forza di attrattiva per i nuovi cyberutenti!

Il nuovo mercato è l'e-marketplace: forma di intermediazione telematica che favorisce l'incontro tra la domanda e l'offerta che si può instaurare on line sia nell'ambito della Pubblica Amministrazione, che contratta con le imprese i propri approvvigionamenti - e in via sperimentale un progetto di e-procurement partirà a breve anche nella lontana provincia di Reggio Calabria - sia tra imprenditori e consumatori, sia tra consumatori, ma anche tra le sole imprese.

Tale ultima modalità di contrattazione (cd. Businness to Businnes) non coinvolge gli utilizzatori finali dei beni e/o servizi, lasciando all'autonomia contrattuale degli operatori la possibilità di determinare i contenuti dei contratti, fatti salvi i (pochi) limiti inderogabili imposti dalla legge.

L'E-Marketplace (o semplicemente Marketplace) può fornire, quindi, agli operatori commerciali, attraverso un utilizzo consapevole dello strumento digitale e contrattuale, una garanzia di correttezza e di sicurezza nelle loro transazioni commerciali anche internazionali.
Esso viene tradizionalmente definito, attraverso una metafora, e cioè come una "piazza di mercato virtuale" o un "luogo di scambio su Internet", ma - in modo più tecnico - viene individuato come quell'intermediario on line che aggrega informazioni economiche e che, attraverso la predisposizione di una piattaforma tecnologica per la comunicazione two ways, consente l'interazione on line tra più soggetti a fini commerciali.

In particolare, "l'e-marketplace è un on line service provider (vale a dire un soggetto che attraverso un sito web offre servizi on line di vario tipo, in particolare attraverso la predisposizione di un'opportuna organizzazione tecnica) che acquisisce e gestisce informazioni economiche e fornisce una piattaforma tecnologica per la comunicazione many-to-many (o anche one to one) e l'interazione commerciale, fra più soggetti in un'area chiusa della Rete" (Lombrassa).
Esso costituisce pertanto la più evidente dimostrazione che Internet non è pura disintermediazione e anche nella Società dell'Informazione i nuovi intermediari rivestono un ruolo essenziale nell'evoluzione del mercato digitale. Tale piattaforma telematica, attraverso la quale, quindi, le imprese si incontrano per sviluppare accordi, scambi di beni e servizi nell'ambito dell'e-commerce, consente una riduzione dei costi delle transazioni, permette lo scambio di informazioni professionali, offrendo, quindi, strumenti di valore aggiunto a supporto del businnes imprenditoriale (Traversi).

I soggetti e gli elementi costanti nell'organizzazione di un e-marketplace sono, pertanto, la presenza di un gestore dell'e-marketplace (di solito chiamato e-marketer), la predisposizione da parte di quest'ultimo sia di una struttura per attrarre una community di riferimento, sia di una piattaforma telematica che consenta la gestione delle informazioni economiche e l'interazione commerciale degli aderenti all'e-marketplace.

continua nella pagina seguente >>


Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Accesso rapido