Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Dall'agorà all'e-Marketplace - parte I (pagina2)

Un percorso riassuntivo su un fenomeno che, senza più l'iniziale clamore, cerca la via della propria affermazione sulla rete. Caratteristiche, tipologie e regolamentazione giuridica.
di Avv. Andrea Lisi e Avv. Monica Delle Donne

<< continua dalla pagina precedente

I principali modelli di e-marketplace B2B
I Marketplace possono essere sia di tipo orizzontale, focalizzati su beni e/o servizi comuni a più settori industriali, sia di tipo verticale, relativi, invece a beni e/o servizi propri di uno specifico settore merceologico.

La prima tipologia è di solito organizzata in modo tale che l'aderente vi possa intervenire allo stesso tempo come acquirente e come fornitore e svolgere, quindi, la propria attività economico-contrattuale in modo autonomo rispetto a coloro che, di volta in volta, individuerà come controparti.
In essa si possono normalmente reperire servizi o prodotti che non implicano merci coinvolte nella trasformazione del prodotto aziendale (come avviene, ad esempio, nel caso della subfornitura industriale).
Il principale limite di questa soluzione è che, da un lato, essa tende a creare una certa dispersività dei prodotti offerti nel mercato virtuale, in quanto si fanno incontrare on line imprese spesso molto diverse tra loro; dall'altro, risulta assai difficile, per il gestore del Marketplace, riuscire ad offrire servizi a valore aggiunto in quanto è troppo ampio e differenziato l'ambito dei settori trattati.

I Marketplace verticali, invece, offrono una forte specializzazione nel mercato e, quindi, presentano numerosi ed importanti vantaggi per le aziende che ne entrano a far parte: creano contatti e possibilità di business tra operatori che condividono il medesimo settore di appartenenza; in esso, gli operatori si confrontano su problematiche comuni e, quindi, possono considerare il Marketplace come punto di riferimento per l'intero settore; usufruiscono, altresì, di servizi a valore aggiunto previsti dall'e-marketer, potendo contare su una buona specializzazione da parte delle professionalità coinvolte; usufruiscono, altresì, di una maggiore visibilità nel mercato di riferimento, essendo - almeno a livello potenziale - la comunicazione sullo stesso davvero efficace.
Quest'ultima dovrà ovviamente essere strutturata in base alle esigenze del settore di cui fanno parte le imprese aderenti.

Se, quindi, i Marketplace orizzontali soddisfano esigenze appartenenti a più variegati settori produttivi, quelli verticali favoriscono la "creazione di una solida business community, con tutti i vantaggi che essa rappresenta per meglio affrontare la competitività del mercato on e off-line" (E. Pasino).

Nella seconda parte di questo approfondimento verrà affrontata la questione della regolamentazione giuridica dei Marketplace.

Avv. Andrea Lisi e Avv. Monica Delle Donne
(Studio Associato D.&L. - www.studiodl.it)


Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Accesso rapido