Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Dall'agorà all'e-Marketplace. Regolamentazione e vantaggi per le imprese - parte II (pagina2)

Un percorso riassuntivo su un fenomeno che, senza più l'iniziale clamore, cerca la via della propria affermazione sulla rete. Caratteristiche, tipologie e regolamentazione giuridica.
di Avv. Andrea Lisi e Avv. Monica Delle Donne

<< prosegue dalla pagina precedente

L'e-marketer dovrà, inoltre, curare particolarmente la gestione tecnica del sito: in questo caso saranno necessarie specifiche competenze affidate e gestite da società terze, appositamente incaricate di garantire il regolare funzionamento del Marketplace. A tali società potrà essere demandato anche il compito, in outsourcing, di curare, in ossequio al D.Lgs. 196/2003, alcuni aspetti del trattamento dei dati personali utilizzati nell'e-marketplace.

Altro scoglio importante da superare è quello relativo ai mezzi di pagamento: potranno essere previsti mezzi di pagamento convenzionali - quali, ad es., pagamento in contrassegno o a mezzo di bonifico bancario o mediante assegno, fideiussioni bancarie o polizze assicurative - oppure mezzi di pagamento on line, con la necessaria presenza nel Marketplace di istituti di credito convenzionati, attraverso i quali sia possibile effettuare i pagamenti on line (Stracuzzi).

I vantaggi per le imprese
I vantaggi per le imprese aderenti al Marketplace sono diversi: le PMI possono "incrementare la propria efficienza, ridurre i costi di transazione, facilitare l'avvio e la gestione di rapporti commerciali su scala globale, senza essere costrette a rivoluzionare le proprie infrastrutture tecnologiche" (Traversi).
Di contro, dovranno essere pronte a rispondere alle richieste che potrebbero arrivare numerose e da Paesi stranieri.
Sarà, quindi, necessaria un'accurata gestione delle scorte presenti in magazzino e un'efficiente rete di spedizione che permetta di far pervenire la merce in tempi brevi e nei posti più insoliti. Del resto, le piccole e medie imprese, che non hanno strutture tecnologiche avanzate e che vogliano sperimentare l'ebbrezza della Rete, possono intraprendere tramite il Marketplace una attività di commercio elettronico, con un approccio, quindi, rassicurante sia in ambito operativo sia in ambito finanziario, poiché gli investimenti necessari non sono molto impegnativi e i rischi sono davvero minimi.

L'impresa può, quindi, contare su un ottimo mezzo per fare aumentare la propria visibilità sul mercato, un obiettivo ambìto e difficile da conquistare, specialmente nel mercato "internettiano" (Pasino). Se Internet, quindi, per una PMI è un mercato difficile, rischioso, disintermediato, globale e senza limiti territoriali, la scelta di entrare in uno spazio regolamentato, più sicuro e delimitato, rappresentato dall'e-marketplace può essere vincente e costituire l'approccio più corretto per fare affari on line.

Avv. Andrea Lisi e Avv. Monica Delle Donne
(Studio Associato D.&L. - www.studiodl.it)


Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:

I servizi di informazione di i-dome.com in Feed RSS

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

Pianificare le ferie con Excel

Perché aspettare l’ultimo momento per definire le vacanze in azienda? Grazie al foglio di calcolo, è facile realizzare il piano ferie e garantire, allo stesso tempo, la continuità delle attività

Accesso rapido