Nome
Cognome
Email
Password
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.
Si No
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.
Si No
FacebookTwitterRSS
PMI Dome

Responsabili gli internet point per scommesse on line con bookmaker stranieri? (Parte 1)

Come si configura giuridicamente la posizione dell’internet point dal quale sia possibile effettuare scommesse con bookmaker straniero? L'avvocato Velentina Frediani fa il punto della situazione.
di Avv. Valentina Frediani - Consulentelegaleinformatico.it

Secondo l’attuale normativa italiana in materia di giochi e scommesse è punito l’esercizio abusivo del gioco del lotto o di scommesse o concorsi pronostici che la legge riserva allo Stato o ad altro ente concessionario; parimenti è punibile chi svolga in Italia qualsiasi attività organizzativa al fine di accertare o raccogliere o comunque favorire l’accettazione o in qualsiasi modo la raccolta, anche per via telefonica o telematica, di scommesse di qualsiasi genere da chiunque accettata in Italia o all’estero.

C’è quindi da chiedersi come possa configurarsi giuridicamente la posizione dell’internet point dal quale sia possibile effettuare scommesse con bookmaker straniero.

Secondo quanto stabilisce il Trattato CEE le restrizioni alla libertà di stabilimento dei cittadini di uno Stato membro nel territorio di un altro Stato membro sono vietate. Tale divieto di estende altresì alle restrizioni relative all’apertura di agenzie, succursali o filiali da parte dei cittadini di uno Stato membro stabiliti sul territorio di altro Stato membro.

Ma che cosa si intende in questa norma per libertà di stabilimento? Stabilirsi vuol dire accedere alle attività non salariate ed al loro esercizio nonché poter liberamente costituire e gestire imprese e società.

Conseguenzialmente, le restrizioni alla libera prestazione dei servizi all’interno della Comunità sono vietate verso i cittadini degli Stati membri stabiliti in un paese della Comunità che non sia quello del destinatario della prestazione (ovvero salvo il caso di coincidenza tra nazionalità di origine e paese di esercizio della prestazione).

I suddetti principi sono stati recentemente richiamati dalla Corte Europea chiamata ad intervenire proprio da un giudice italiano sul cosiddetto “Caso Stanley”.

Questi i fatti: ad alcune agenzie italiane, collegate via internet con il bookmaker inglese, veniva contestato di aver collaborato sul territorio italiano con un bookmaker straniero all’attività di raccolta di scommesse di regola riservata per legge allo Stato, violando così le disposizioni di cui alla legge. n. 401/89; l’organizzazione delle agenzie collegate alla Stanley funzionava così: il giocatore comunicava all’agenzia italiana i termini della scommessa (somma giocata e partite); l’agenzia italiana inviata via internet richiesta di accettazione al bookmaker il quale ritrasmetteva in tempo reale – e sempre via internet - i risultati. Le somme transitavano poi su conti esteri, con provvigioni rilasciate alle agenzie italiane.

Tale attivitĂ  veniva valutata dal Giudice italiano in contrasto con il regime di monopolio sussistente sulle scommesse sportive attribuito per legge al CONI.

Ora, da un punto di vista di personalità giuridica, la Stanley è società di capitali inglese titolare di regolare licenza relativa alle scommesse, mentre le agenzie italiane – quelle a cui è stato contestato il reato succitato - sono configurabili come titolari di regolare autorizzazione rilasciata dal Ministero delle Poste e delle Comunicazioni, alla comunicazione di dati, divenendo ufficialmente centro di trasmissione dati.

Continua...

Avvocato Valentina Frediani
www.consulentelegaleinformatico.it
www.consulentelegaleprivacy.it


Condividi

Lascia un commento

Nome:

Mail:

Oggetto:

Commento:

CAPTCHA

Codice controllo:



Come calcolare l'IMU

Due nuove aliquote e uno strumento per semplificare il calcolo

A Milano si riunisce Alfresco

Una visione dall'interno di tutto il sistema dell'azienda e le prospettive di sviluppo nei prossimi anni

Perché equiparare la blogosfera con le testate giornalistiche tradizionali?

Si può fare del buon giornalismo anche senza alcuna tessera professionale, ma c’è chi afferma che nella blogosfera, c’è una netta prevalenza delle opinioni rispetto alle notizie. Riflessioni sul Fact-Checking e il Blog Power.

SE UN IMPIEGATO APRE UN E-SHOP, MEGLIO L'APPOGGIO DI UN COMMERCIALISTA

Accesso rapido