FINECO e Hypercast, cambiare vita con i risparmi: il nuovo podcast “Se potessi avere”

FINECO e Hypercast insieme per un nuovo progetto fatto di storie e sogni da realizzare: un podcast dove scoprire come gestire in modo intelligente i propri risparmi con l’aiuto di alcuni ospiti di altissimo livello

se potessi avere fineco

Da lunedì 27 marzo è disponibile su tutte le piattaforme di podcasting “Se potessi avere”, il nuovo podcast di FINECO prodotto da Hypercast. Cinque episodi in cui cinque protagonisti (tre donne e due uomini) raccontano le proprie storie di cambiamento e in che modo il denaro e il risparmio hanno condizionato le loro scelte.

Una gestione oculata del proprio patrimonio e un’attenta analisi delle ricadute economiche possono, infatti, influire positivamente sulla vita di tutti. “Se potessi avere” è dunque un progetto unico nel suo genere che, accanto allo storytelling puro, affronta anche questioni pratiche.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FinecoBank (@finecobank)

A raccogliere queste storie, una persona che ha vissuto in prima persona un’esperienza di cambiamento: Corinna De Cesare, giornalista, autrice, scrittrice e podcaster. De Cesare ha lavorato per 15 anni al Corriere della Sera, dove si è occupata di temi di macroeconomia e lavoro; ha condotto dirette e corrispondenze da Bruxelles per le elezioni europee per poi specializzarsi, negli ultimi anni, sui temi dell’identità di genere e della violenza contro le donne.

Nel 2019 ha fondato thePeriod, newsletter con oltre 12.000 iscritti diventata in breve tempo una voce dirompente del panorama letterario italiano e ha pubblicato due libri  (“Ciao per sempre”, 2021; “Biglietti alle amiche: Corpi, sesso, diritti, ambizioni.
Un punto e a capo nella narrazione dei fatti”, 2022); attraverso i social, De Cesare analizza giornali e media, smontando i processi che concorrono a legittimare nella società sessismo, misoginia, ageismo e discriminazioni di genere.

Ospite della prima puntata Pierluca Mariti

Ospite della prima puntata di “Se potessi avere” è Pierluca Mariti. Classe 1989, diplomato classico e giurista pentito, Pierluca Mariti ha lavorato per sette anni come manager in una multinazionale. Poco prima della pandemia ha deciso di rispolverare la sua mai sopita passione, l’intrattenimento, prima con la stand up comedy, poi attraverso il proprio profilo Instagram, @piuttosto_che. Quello che era nato come un passatempo creativo, in pochi mesi, ha assunto le dimensioni di un vero e proprio lavoro. Il simbolo più esemplificativo del suo approccio “fa ridere ma anche riflettere” è Tell Mama, la rubrica più amata dalla sua community: una serie di Instagram stories in cui Pierluca risponde ironicamente a questioni di cuore e non solo.
Una rubrica che viene riproposta anche nella parte finale dei suoi spettacoli, rispondendo alle domande che il pubblico gli scrive sui bigliettini. Proprio come si faceva alle assemblee di istituto del liceo.

Oltre alla creazione dei contenuti sui social, Pierluca ha pubblicato diversi articoli per il quotidiano Domani, ha partecipato a podcast e programmi radio (non ultimo “Piuttosto Che”, di cui è stato co-conduttore su Radio Lattemiele nella primavera 2022) e ha firmato il monologo “È da femmina” per il TedX di Ferrara. Ha una newsletter con cui tiene aggiornata la community sulle sue letture preferite, i film e i migliori ascolti.

Già candidato nel 2022 ai Diversity Media Awards come “creator dell’anno”  e protagonista nel 2023 degli account social del Festival di Sanremo, sul suo profilo Instagram Pierluca Mariti @Piuttosto_che offre la ricetta del buonumore grazie a un mix di balli amatoriali, ricette finite male, parodie e poste del cuore che non risolvono problemi. Partendo dalla sua prospettiva di trentenne alle prese con la vita quotidiana, @Piuttosto_che racconta il cambiamento nella società indagando le relazioni, i diritti, le questioni di genere e la cultura pop attraverso un racconto leggero e ironico, all’occorrenza con la dovuta serietà.

Gli ospiti di “Se potessi avere”

Monica Lasaponara la prima Escape Coach® in Italia. Dopo aver lasciato il suo lavoro nel marketing televisivo, si è dedicata all’innovazione sociale e allo studio dei metodi alternativi di carriera. Lasaponara offre corsi, workshop e percorsi su misura dedicati a chi è in cerca di una dimensione professionale diversa dal classico lavoro da dipendente. Nel 2021 ha pubblicato per Newton Compton “Mollo tutto e cambio vita. Il metodo pratico e innovativo per progettare il piano B perfetto”.

Marie Nurra è una giovane artigiana che da due anni ha aperto la sua bottega nel quartiere Pigneto, a Roma. Ceramista con un passato da documentarista. A chi le chiede come sia potuta passare dalla telecamera al tornio dice: “Il mio approccio è lo stesso, provare a raccontare la realtà che mi circonda. Sono i barattoli di sugo che prepara mia nonna e che porta in Francia, come ogni emigrato, laddove il pomodoro fa fatica ad arrossire. E tutto ciò, cerco di metterlo in un piatto, una tazza, un’insalatiera o una brocca: le sfumature delle rocce, la semplicità della forma, la cenere di ulivo nello smalto, la sensazione di conforto, la nostalgia, la trasmissione, il ricordo e infine la passione per un mestiere”.

Marco Ottonello, imprenditore, è tra i fondatori di Rame, piattaforma che aiuta le persone ad avviare un percorso che le porterà a raggiungere il benessere finanziario. Ex manager di un’importante multinazionale, la vita di Ottonello cambia quando sua moglie scopre di essere incinta di due gemelli. In quel momento l’imprenditore realizza di poter usufruire del congedo di paternità e sceglie, insieme alla moglie, di occuparsi entrambi a tempo pieno dei loro due gemelli almeno per i primi anni di vita. Quell’esperienza ha cambiato la vita di Marco Ottonello che da quel momento in poi ha scelto di lasciare il suo vecchio lavoro e avviare un’attività che gli permettesse di dedicare più tempo alla sua famiglia.

Azzurra Rinaldi economista femminista, insegna Economia Politica presso l’Università Unitelma Sapienza di Roma, dove è anche Direttrice della School of Gender Economics. Nel 2022 ha fondato Equonomics, per portare il tema dell’equità di genere all’interno di aziende e istituzioni. Fa parte del board della European Women Association e di quello di Opera for Peace. É membro onorario del Board della UK Confederation. È Componente del Comitato Scientifico di Save the Children e dell’Osservatorio sul Terziario ManagerItalia. Opinionista su La Svolta, è autrice di articoli e libri sui temi del gender gap. Il suo ultimo libro si intitola Le signore non parlano di soldi (Fabbri Editori, 2023)

Lascia un commento