Business Process Improvement: come migliorare l’efficienza aziendale

Business Process Improvement: un metodo efficace per il miglioramento gestionale del processo che produce, per una qualsiasi organizzazione, una maggiore efficienza. La sua applicazione semplifica le attività eliminando sprechi ed inutili passaggi burocratici.

Che cosa è il Business Process Improvement – BPI

Mentre il Total Quality Management ha un approccio al processo dal basso dell’organizzazione, l’applicazione della metodologia BPI, Business Process Improvement, inizia contemporaneamente dall’alto e dal basso dell’organizzazione.

Nel BPI i manager e gli specialisti hanno un ruolo importantissimo per il miglioramento del processo, la cui gestione si sviluppa in specifiche fasi volte a migliorarne costantemente l’efficienza, evitando qualsiasi attività che non aggiunga valore.

Vediamo più nel dettaglio come funziona il BPI.

Business Process Improvement: di cosa si tratta

Che cosa è il Business Process Improvement – BPI

Attualmente, in special modo nelle organizzazioni medie e grandi, esistono diversi gruppi di lavoro dedicati al miglioramento dei sottoprocessi.


Leggi anche: Carlo Ruta: esiste la libertà d’informazione in Italia?

Generalmente tali gruppi lavorano con entusiasmo e misurano le proprie performance. Il problema cruciale è che essi non conoscono l’effetto che il loro lavoro ha sulle altre attività del processo. La conseguenza è che spesso i sottoprocessi risultano ottimizzati ma il processo nella sua interezza non è stato migliorato.

L’obiettivo che il BPI si prefigge è quello di rendere il processo nella sua interezza efficace ed adeguato. Ciò si traduce nel raggiungere i risultati richiesti e nel ridurre le risorse necessarie. Questo vuol dire anche fare in modo che i processi siano flessibili, in modo da essere adattabili alle esigenze in continua evoluzione sia del mercato che della stessa organizzazione.

Altri obiettivi sono poi l’eliminazione degli errori, la riduzione dei ritardi, la crescita della conoscenza, la facilità d’uso e la fedeltà dei clienti, tutto ciò allo scopo di fornire vantaggi competitivi all’organizzazione.

La base di partenza per l’applicazione del BPI è data dai seguenti elementi significativi:

  • Il coinvolgimento totale del top management
  • L’utilizzo di metodi ben definiti
  • L’identificazione dei process owners
  • Lo sviluppo di misure e di sistemi di reporting

BPI: le varie fasi

Che cosa è il Business Process Improvement – BPINelle organizzazioni complesse il BPI si sviluppa, in generale, in cinque fasi:


Potrebbe interessarti: Società tra professionisti: pubblicato sulla Gazzetta il regolamento

  1. Organizzazione per il miglioramento
    Durante questa prima fase il top management apprende la metodologia BPI, seleziona i processi critici e nomina i process owners per ciascun processo selezionato. I process owners organizzano i gruppi di lavoro per il miglioramento del processo, stabiliscono i vincoli, i metodi di misura, gli obiettivi di miglioramento e sviluppano il piano di progetto (project plan).
  2. Comprensione del processo
    Durante questa fase, il gruppo di lavoro produce la mappa del processo attuale, analizza il rispetto delle procedure esistenti, raccoglie tutte le informazioni disponibili (costo, tempi, ecc.) ed allinea le attività correnti alle procedure. Scopo di tale fase è quello di raggiungere la conoscenza dettagliata del processo.
  3. “Fluidificazione” del processo
    L’obiettivo di questa fase è quello di rendere il processo realmente fluido, vale a dire senza ostacoli durante il suo corso di azione. Non si tratta solo di semplificare ma di rimuovere tutte le attività che non aggiungano valore. È in questa fase del BPI che la creatività e la competenza del gruppo di progetto viene effettivamente messa alla prova.
  4. Implementazione, misure e controllo
    Il processo (migliorato) viene in questa fase realizzato (messo in funzione), i sistemi di misura e di controllo vengono stabiliti. È indispensabile avere in funzione un efficiente sistema di report, in modo da poter attuare in tempi brevi tutte le modifiche necessarie.
  5. Miglioramento continuo
    Non bisogna mai perdere di vista il fatto che qualsiasi processo è migliorabile. È questo ora il compito degli effettivi operatori del processo.

Luca Paolucci
Laurea in Economia e Management
Laureando in Management Internazionale
Suggerisci una modifica