Come calcolare lo stipendio netto dalla RAL?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
21/08/2022

Con l’aggiornamento delle nuove aliquote Irpef per il 2022, alcuni lavoratori potrebbero aver subito modifiche per quanto riguarda il calcolo dello stipendio netto. Questo si calcola utilizzando come base la Ral, ossia il reddito annuale lordo, che poi con dei calcoli porta allo stipendio netto. Vediamo come si calcola.

Lavoro

Conoscere adeguatamente il proprio stipendio netto è molto importante in moltissimi aspetti della vita quotidiana, come ad esempio quando si cambia lavoro, quando ci si rivolge a banche e finanziare, e soprattutto nel caso ci sia bisogno di accendere un mutuo o chiedere un prestito.

Tra i metodi di calcolo a disposizione vi sono molte piattaforme online che consentono di effettuare il calcolo in modo del tutto gratuito, come ad esempio Pmi.it. Vediamo come viene effettuato il calcolo dello stipendio netto.

Stipendio netto dalla Ral: quali informazioni sono importanti?

Lavoro

Vediamo in primis quali sono le informazioni più importanti che devono essere condivise al fine del calcolo dello stipendio netto. I calcolatori online solitamente chiedono di inserire, oltre alla Ral, anche molte altre informazioni che permetteranno in seguito di raggiungere il valore netto finale. Le informazioni da inserire sono le seguenti:

  • il valore della tua remunerazione annua lorda (RAL);
  • la Regione di residenza per l’addizionale IRPEF applicata;
  • il valore percentuale dell’addizionale comunale;
  • eventuali carichi di famiglia;
  • numero mensilità;
  • giorni lavorativi/anno.

Stipendio netto: come funziona il calcolatore di Pmi.it?

Lavoro

Vediamo ora nel dettaglio come funziona il metodo di calcolo che applica il sito online Pmi.it. Il punto di partenza è la Ral, che equivale all’importo concordato al momento della firma del contratto. Per raggiungere al valore netto dello stipendio occorre semplicemente applicare le regole previste dalla normativa vigente.

Per fare questo vanno anche considerate le nuove disposizione in materia di aliquote Irpef, che sono state modificate dall’ultima Legge di Bilancio. Il calcolo dello stipendio netto mensile tiene conto delle mensilità in busta paga e dei giorni di lavoro dipendente.