Lavoro supplementare: cos’è e come funziona?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
15/09/2022

Il lavoro supplementare può essere confuso con lo straordinario: le due fattispecie potrebbero sembrare simili ma non lo sono affatto. Il lavoro supplementare infatti può essere svolto esclusivamente da coloro che sono in possesso del contratto part-time. Vediamo nel seguente articolo cos’è e come funziona questa tipologia di contratto.

Lavoro

La prima caratteristica essenziale del contratto di lavoro supplementare è quella di essere fruibile solamente da coloro che sono in possesso del contratto part-time. In sintesi, tutti coloro che andranno a sforare le 40 ore di contratto standard, cadranno nella normativa del lavoro supplementare.

Approfondiamo la questione nel seguente articolo, capendo le differenze dal lavoro straordinario.

Lavoro supplementare: cos’è e come funziona?

Lavoro

Vediamo in primis quali sono le connotazioni essenziali del lavoro supplementare, in particolare da chi può essere utilizzato e in che modo. Come detto può essere confuso con il lavoro straordinario, mentre si tratta di due realtà completamente differenti. Nel dettaglio, il lavoro supplementare è:

  • quell’attività lavorativa effettuata oltre l’orario concordato da contratto,
  • in cui il limite delle ore extra è il raggiungimento del numero di 40 ore a settimana dei contratti full time.

In presenza di queste circostanze, il lavoro supplementare comporta delle maggiorazioni in base al numero di ore che sono state svolte in modalità supplementare. Ma non è una regola aurea che si utilizza in tutti i casi.

Lavoro straordinario e supplementare: ecco le differenze

Lavoro, Triste

Vediamo ora quali sono le differenze tra lavoro supplementare e lavoro straordinario. In entrambi i casi si tratta di effettuare delle ore in eccesso rispetto a quelle pattuite in sede di contrattazione. Nel caso del lavoro supplementare però queste dovranno essere eseguite da un lavoratore con contratto part-time, ma non dovranno mai raggiungere il monte ore di un lavoratore a tempo pieno.

Il lavoro straordinario invece è quando viene superato il limite di ore del tempo pieno. I lavoratori a tempo pieno possono utilizzare solo questa modalità.