Pignoramento presso terzi dello stipendio: come funziona?

Il pignoramento presso terzi è una delle varie opportunità a disposizione del creditore insoddisfatto a causa dell’inadempimento del debitore. È una forma di espropriazione forzata che consente di aggredire i beni del debitore quando il creditore non sia riuscito pacificamente a soddisfare il proprio credito. Vediamo come funziona.

Giudice

Che cos’è il pignoramento presso terzi? Il pignoramento presso terzi è una procedura esecutiva che può essere azionata quando il debitore non estingue il suo debito. Essa ha per oggetto dei beni che non sono in suo diretto possesso, sono appunto presso terzi.

Si distingue per questo motivo rispetto al pignoramento immobiliare poiché in tal caso si aggredisce un bene immobile in possesso del soggetto inadempiente.

Il pignoramento presso terzi trova la propria disciplina all’articolo 543 del codice di procedura civile.

Quali sono i requisiti del pignoramento presso terzi

Denaro

Si può attivare un pignoramento presso terzi in due casi:

  • nei confronti di beni di cui un terzo abbia la disponibilità;
  • nei confronti di diritti di credito che il debitore vanti presso un terzo.

Un esempio di pignoramento presso terzi è il pignoramento del denaro presso il conto corrente intestato al soggetto debitore.
Possiamo inoltre citare il caso in cui il creditore pignori il quinto dello stipendio presso il datore di lavoro del debitore in caso di rapporto di lavoro di carattere subordinato. Stesso discorso vale in caso di pensione erogata dall’Inps.

Il limite del quinto è stato previsto poiché la restante parte dello stipendio o della pensione devono servire al debitore per far fronte al proprio sostentamento.

Il pignoramento deve essere notificato oltre che al debitore al soggetto terzo che ha la disponibilità dei beni pignorati.

Diritti di credito impignorabili

 

In caso di diritti di credito è bene chiarire che non tutti  possono essere oggetto di pignoramento.

Sono maggiormente tutelati quei crediti dovuti a seguito di maternità, malattie, da casse di assicurazioni, enti di assistenza.

Lascia un commento