Stipendi 2022: gli aumenti in busta paga

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale

Il 2022 potrebbe essere un anno da ricordare per quanto riguarda gli stipendi. E’ possibile infatti, in attesa di conferme ufficiali, che si assisterà ad un aumento degli stipendi in busta paga. Cerchiamo di capire le motivazioni ti tale aumento e a chi sarà rivolto.

money-1439125_1920

Arriverà o non arriverà l’aumento dello stipendio in busta paga per il 2022? Non vi sono ancora conferme ufficiali, ma solo indiscrezioni, riguardo il probabile aumento degli stipendi per il prossimo anno. I dubbi principali sono connessi alle modalità con cui verrà attuata la riforma fiscale.

Sarà sicuramente più ricca la busta paga dei dipendenti pubblici, visto il rinnovo del contratto che ha modificato gli stipendi. Scopriamo i dettagli della vicenda insieme.

Stipendi 2022: saranno più elevati?

Lavoro

Cerchiamo di fare chiarezza: gli stipendi saranno più alti nel 2022? In primis va ricordato che un eventuale risparmio per i lavoratori ci sarà, in quanto avverrà il famoso taglio del cuneo fiscale, anche se ancora non sono note con certezza le modalità. Sta comunque prendendo piede l’ipotesi di aumento dello stipendio, voci che sembrano essere più che fondate.


Leggi anche: Busta paga, aumenti nel 2022: a chi spettano e quali sono gli importi

Ma attenzione, si tratterebbe di un aumento dello stipendio netto, non del lordo. La base rimarrà la stessa, ma cambieranno le percentuali di tasse calcolate su essa, da qui deriva l’eventuale aumento. Oltre a questo vi sarà anche il bonus Irpef, ossia un credito fiscale riconosciuto direttamente dal sostituto d’imposta.

Stipendi: bonus e taglio Irpef

Lavoro

Come detto, le due modalità d’intervento riguardano l’Irpef: da un lato vi sarà il taglio dell’aliquota e da un’altra il potenziamento del bonus Irpef. Quest’ultimo ad oggi ha i seguenti importi:

  • bonus di 100,00 euro al mese per i lavoratori dipendenti con reddito non superiore a 28.000,00 euro;
  • bonus tra i 100,00 euro e gli 80,00 euro (si riduce progressivamente salendo di reddito) per i redditi fino a 35.000,00 euro;
  • sopra i 35.000,00 euro, e fino ad arrivare a 40.000,00 euro, il bonus si riduce progressivamente fino ad arrivare a zero.

Dal 1° Gennaio 2022 potrebbe essere potenziato, ad esempio coloro che hanno un reddito fino a 28 mila euro, potrebbero avere 120 euro.

Infine vi è il taglio dell’aliquota Irpef, che dovrebbe coinvolgere i soggetti con reddito tra 28 mila e 55 mila euro. L’aliquota dovrebbe essere portata dal 38% al 36%, permettendo così di pagare meno tasse ed avere più soldi in busta paga.


Potrebbe interessarti: Bonus INPS da 1200 euro: quando arriva e chi può chiederlo