L’importanza dei contenuti online per le imprese

Nel mondo Internet, i contenuti non sono mai passati di moda. Costituiscono anzi sempre di più la sostanza della comunicazione d’impresa online. Vediamo insieme l’importanza che questi hanno per le aziende che decidono di operare sul Web.

Online reputation management concept vector illustration

Informare è oggi più che mai (anche per l’epoca di scarsa frivolezza che stiamo vivendo) l’imperativo di marketing per tutte le aziende che operano sulla Rete. Cattura l’attenzione (e vende) chi sul Web illustra bene i propri prodotti e in più fornisce dati, news e servizi a valore aggiunto.

Parafrasando un’espressione che si usava qualche tempo fa, ci domandiamo: content is always king?

La netta sensazione è che, nel mondo Internet, i contenuti non siano mai passati di moda e continuano a rappresentare la sostanza della comunicazione d’impresa online.


Leggi anche: I segreti della SIAE

Imprese sul Web: l’importanza dei contenuti 

19198942-min

Le imprese online hanno bisogno di contenuti informativi perché i prodotti non possono essere lasciati da soli. La “confezione” e gli effetti speciali, pur importanti, mostrano ciclicamente i propri limiti se non sorretti dal “succo”, dalla polpa della “qualità comunicata”.

Gli utenti/clienti chiedono, anzi, esigono da un sito, soprattutto informazione: dai prezzi alle caratteristiche tecniche, dalle offerte ai manuali d’uso. Se non la trovano, se il sito è pesante, male organizzato, povero o scarsamente interattivo non tornano, facendosi una cattiva opinione dell’azienda e del brand.

Fare informazione sui prodotti non basta. Un sito Web non è una semplice brochure, ma un media sofisticato, un’emittente-ricevente (inter)attiva 24 ore su 24.

L’utente fa del sito aziendale un proprio punto di riferimento se vi trova articoli, forum, news o newsletter che riguardino i prodotti aziendali, ma anche se gli vengono offerti servizi informativi utili, magari non strettamente riguardanti il core business della società. Il tutto aggiornato puntualmente e con rigore.

Ma cosa significa di fatto curare i contenuti di un sito? Sinteticamente, due cose:

  • studiare l’architettura editoriale del sito Web aziendale, in modo da renderlo coerente con l’immagine e gli obiettivi d’impresa e, al tempo stesso, efficace, usabile e leggibile nei confronti del cliente/utente;
  • mettere a punto i servizi informativi più interessanti e utili per attrarre l’attenzione dei navigatori e farli tornare frequentemente sul sito.

Alcuni dati sull’utente Internet di oggi

L’importanza dei contenuti online per le imprese


Potrebbe interessarti: E-mail marketing: articoli, documenti e ricerche

Una recente indagine a campione condotta sui “navigatori” italiani da Nielsen/NetRatings ha evidenziato che:

  • fra le ragioni principali di collegamento a Internet, al secondo posto, dopo la posta elettronica, si collocano la lettura, le informazioni e le notizie (61,7 % degli intervistati);
  • al terzo e al quarto posto, di gran lunga staccati, figurano motivazioni “potenti” come l’intrattenimento (musica e giochi, al 21 %) e i servizi finanziari (12,4 %);
  • l’informazione è addirittura al primo posto (58,2 %) fra i servizi online per i quali gli italiani sarebbero disposti a pagare, nettamente in vantaggio rispetto a intrattenimento (musica, video e cinema, al 37,3 %), prenotazioni di biglietti per cinema, teatri e concerti (31,6 %), informazioni finanziarie (24,7 %) e prenotazioni di pacchetti turistici (22,2 %).

Un’altro importante sondaggio sulle principali esigenze dell’utente Internet ha collocato:

  • al terzo posto assoluto la qualità dei contenuti (60 % del campione);
  • al primo posto la facilità di navigazione (78 %);
  • al secondo posto la rapidità dei download (67 %);
  • al quarto posto l’aggiornamento delle informazioni (55 %);
  • mentre agli ultimi posti della classifica si trovano l’estetica dei siti (22 %) e le animazioni grafiche (8 %).

 

 

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureando in Management Internazionale
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica