Nuove scadenze Superbonus 110%

08/10/2021

Torna d’attualità il bonus più amato dagli italiani: il Superbonus 110%. Si è ricominciato a parlarne a causa delle prossime scadenze che riguardano il beneficio che, se non rispettate, possono portre alla perdita di questo. Analizziamo insieme la questione.

businessman-marking-on-calendar-for-an-appointment-min

Le nuove scadenze sono dovute in risposta alla proroga del Superbonus 110% anche per il 2023, dato il suo enorme successo tra i cittadini. Tutto questo è stato annunciato nella NADEF, ossia la nota di aggiornamento del DEF, che include tutte le novità di stampo economico e finanziario.

Da quanto emerge dalla proroga, che dovrà essere analizzata a fondo nella Legge di Bilancio, non tutti i beneficiari avranno le medesime scadenze per completare i lavori. Scopriamo tutte le novità.

Superbonus 110%: quali sono le nuove scadenze?

superbonus 110

La proroga del programma è stata ufficializzata dal Ministero dell’Economia, che a proposito ha dichiarato: “Sarà previsto il prolungamento di diverse misure di rilievo economico e sociale, fra cui il Fondo di Garanzia per le PMI e gli incentivi all’efficientamento energetico degli edifici e agli investimenti innovativi“.


Leggi anche: Superbonus 110%, proroga al 2023: linee guida

La notizia è stata accolta con entusiasmo sia dai cittadini che dai lavoratori del settore edile, in quanto è stata una enorme boccata d’ossigeno per la ripresa post- pandemica.

Come detto però, non tutte le categorie di lavori avranno le stesse scadenze: scopriamo quali sono.

Nuove scadenze Supernonus 110%: tutte le nuove date

Calendario

Si riportano di seguito tutte le date entro cui completare i lavori, in base alla differente tipologia di quest’ultimi:

  • per le case popolari, la scadenza è fissata al 30 Giugno 2023; se i lavori arrivano al 60% entro tale data, le spese sono rimborsate;
  • per i condomini la scadenza è fissata al 30 Giugno 2022;
  • per gli edifici da 2 a 4 unità immobiliari, con unico proprietario, la scadenza è il 31 Dicembre 2022, se si raggiunge il 60% entro il 30 Giugno 2022.

Come si vede dunque le date differiscono di molto in base alla tipologia di struttura su cui si va ad operare.

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica