Abbonamento bus e metro 2023 quasi gratis: dove e a chi spetta

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
06/01/2023

Una città italiana ha deciso di applicare un maxi sconto agli abbonamenti per i trasporti pubblici, riducendo il prezzo da 250 euro l’anno a 20 euro. Ma di quale città di tratta? E chi potrà usufruirne? Scopriamolo insieme.

interior-public-bus-transport

Purtroppo, anche i mezzi pubblici, come bus, tram e metro, saranno soggetti ad aumenti, sia per quanto riguarda il prezzo del biglietto che dell’abbonamento. Nonostante ciò, una città italiana ha deciso di rendere l’abbonamento ai mezzi pubblici quasi gratis.

Stiamo parlando di Bari, il cui comune vorrebbe rendere l’abbonamento annuale accessibile a tutti, ad un prezzo pari a 20 euro per 12 mesi, senza requisiti basati sulla fascia di reddito o sull’età o sugli orari. Ciò significherebbe che tutti i cittadini potrebbero usufruire dei bus quasi gratis.

Vediamo insieme qual è la realtà di questa proposta.

Abbonamento mezzi pubblici quasi gratis a Bari

close-up-woman-holding-bus-bar

Il comune di Bari ha deciso di applicare un maxi sconto agli abbonamenti per il trasporto pubblico e potranno beneficiarne non solo i residenti, ma anche gli studenti e i lavoratori che devono sostare nella città anche se risiedono altrove. Ciò significa che dai 250 euro previsti attualmente per l’abbonamento annuale si scenderà a 20 euro l’anno. L’idea era di renderli del tutto gratis ma per evitare che qualcuno chiedesse l’abbonamento pur non avendone bisogno si è pensato di puntare ad una cifra simbolica.

L’iniziativa è finalizzata ad incentivare l’uso del trasporto pubblico e per l’Italia si tratta di una vera e propria novità, a differenza di altri paesi come Germania e Spagna, dove proposte di questo genere non sono nuove. Per esempio, in Germania l’abbonamento ai mezzi costa solo 9 euro, mentre in Lussemburgo addirittura alcuni sono gratis.

L’esempio di Bari potrebbe essere seguito da altre città, prendendo in considerazione l’idea di offrire i mezzi pubblici quasi gratis in tutte le fasce orarie e non solo in alcune.