Acconto IMU 2021: quando scade e quanto si paga in media?

14/06/2021

IMU 2021: mercoledì 16 giugno sarà l’ultimo giorno utile per procedere al versamento della prima delle due rate. Oltre 25 milioni gli italiani chiamati a pagare l’imposta sulla seconda casa: secondo le stime entreranno nelle casse dello Stato quasi 10 miliardi di euro.

a-female-hand-operating-a-calculator-in-front-of-a-villa-house-model-min

Mercoledì 16 giugno scadrà il tempo utile per procedere al pagamento dell’acconto IMU per il 2021.

Secondo la UIL sarebbero più di 25 milioni gli italiani chiamati a versare la prima rata dell’imposta sulla seconda casa, per un gettito fiscale stimato in 9,8 miliardi di euro. Se si considera anche il saldo, con scadenza dicembre 2021, il gettito complessivo arriverà a sfiorare i 20 miliardi di euro.

Acconto IMU: pagamenti per quasi 10 miliardi di euro

money-2724248_1920

Si avvicina sempre di più il tanto atteso “IMU Day“. Mercoledì prossimo, il 16 giugno, terminerà infatti il periodo concesso ai contribuenti italiani per procedere al versamento della prima rata IMU per il 2021.


Leggi anche: Tari 2021: come si calcola, chi paga e quando scade

Un appuntamento che interessa oltre 25 milioni di persone, chiamate a versare l’acconto dell’imposta sulle seconde case.

Secondo le stime della UIL, il gettito fiscale di questa prima fase sarà di 9,8 miliardi di euro. Gettito che raddoppierà il proprio valore considerando anche il saldo da liquidare entro la fine dell’anno.

IMU 2021: quanto si paga in media?

money-1017463_1920

Sempre secondo le stime della UIL il costo medio complessivo dell’IMU per il 2021 sarà di 1.070 euro (con un acconto quindi di 535 euro), calcolato prendendo come riferimento una seconda casa di valore medio o alcune pertinenze della prima casa (come garage o posto auto, su cui in certi casi si paga l’imposta).

L’aliquota media, invece, dovrebbe assestarsi al 10,6 per mille, fermo restando come alcuni Comuni abbiano deciso di mantenere in vigore l’ex addizionale Tasi dello 0,8 per mille.

Gli importi IMU più elevati si toccheranno nelle grandi città italiane, Roma e Milano in primis, con riferimento soprattutto a ville, castelli ed abitazioni signorili.

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureando in Management Internazionale
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica