Addio all’esterometro: cosa cambia dal 1 gennaio 2022

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
30/10/2021

Novità importanti per chi effettua operazioni da e verso l’estero: a partire dal 1° gennaio 2022, infatti, si dirà addio all’esterometro per passare al Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate basato sulle fatture elettroniche. Analizziamo la situazione più nel dettaglio.

business-finance-man-calculating-budget-numbers-invoices-financial-adviser-working-min

L’Agenzia delle Entrate ha reso noto, con il provvedimento pubblicato in data 28 ottobre 2021, il passaggio dall’obbligo dell’esterometro trimestrale all’invio delle fatture elettroniche anche per le operazioni da e verso l’estero, a partire dal 1° gennaio 2022.

Una novità importante per chi effettua operazioni transfrontaliere, che dovranno comunicare tutte le informazioni necessarie esclusivamente tramite il Sistema di Interscambio predisposto dall’Agenzia.

Dal 1° gennaio addio all’esterometro

Global transportation system concept vector illustration.

La Legge di Bilancio 2021 aveva già previsto l’addio all’esterometro, misura che diventerà ufficiale a partire dal 1° gennaio 2022.

Dal prossimo anno, infatti, cambieranno le regole per la trasmissione telematica delle operazioni transfrontaliere, che dovranno essere comunicate all’Agenzia delle Entrate esclusivamente attraverso il Sistema di Interscambio con formato del file fattura elettronica.

Le nuove linee guida sono state comunicate dalla stessa Agenzia con il provvedimento dell’Amministrazione finanziaria emesso il 28 ottobre 2021.

Fino al 31 dicembre resta in vigore quanto disposto dal provvedimento del 30 aprile 2018, il quale prevede una doppia possibilità di comunicazione dei dati relativi alle operazioni transfrontaliere:

  • predisporre e trasmettere l’esterometro a scadenza trimestrale, indicando per ogni operazione effettuata e ricevuta da e verso soggetti stranieri nel trimestre di riferimento i dati fiscali puntuali;
  • predisporre e inviare un file conforme al tracciato e alle regole tecniche della fatturazione elettronica, indicando un valore convenzionale nel campo relativo al “codice destinatario”.

Cosa cambia tra le operazioni attive e passive

Addio all’esterometro: cosa cambia dal 1 gennaio 2022

Dal 1° gennaio 2022, quindi, il Sistema di Interscambio sarà il canale unico per la trasmissione delle fatture relative alle operazioni transfrontaliere, da effettuare secondo termini differenziati a seconda del tipo di operazione:

  • le operazioni attive devono essere trasmesse entro la scadenza di emissione delle fatture o dei documenti che ne certificano i corrispettivi;
  • le operazioni passive devono invece essere trasmesse entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello di ricevimento del documento che prova l’operazione o la sua effettuazione.

Nel caso in cui sia stata emessa una fattura doganale o sia stata ricevuta una fattura elettronica, la comunicazione al Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate è facoltativa.