AdE: nuove lettere inviate

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
08/11/2022

L’Agenzia delle Entrate è pronta a spedire nuove lettere ai contribuenti che potrebbero non essere in regola con alcuni pagamenti. Si tratta nel dettaglio di irregolarità relative alle dichiarazioni Iva nelle e-fatture. Vediamo nel seguente articolo per chi sono gli avvisi bonari e come comportarsi in caso di ricezione.

agenzia-delle-entrate-1200×675

L’Agenzia delle Entrate prosegue con la spedizione delle lettere di compliance che saranno inviate a coloro che potrebbero non essere in regola con i pagamenti. Ma qual è l’obiettivo di questi reclami? E’ rendere disponibili le informazioni in possesso del fisco al contribuente, così da procedere alla regolarizzazione delle anomalie.

Vediamo ora in particolare a chi sono i rivolti i seguenti avvisi bonari e come comportarsi qualora dovesse arrivarne uno a casa vostra.

Agenzia delle Entrate, nuove lettere in arrivo: ecco cosa fare

agenzia-delle-entrate

Vediamo a chi saranno inviate le nuove lettere di compliance dell’Agenzia delle Entrate. In questo caso le lettere saranno rivolte ai soggetti che devono effettuare la dichiarazione IVA. Nel provvedimento del 4 novembre l’Agenzia definisce le modalità con cui vengono messe a disposizione del contribuente e della Guardia di Finanza le differenze tra i dati delle operazioni Iva e le dichiarazioni Iva da cui emergono delle anomalie.

Cosa fare nel caso di arrivo delle lettere? Il contribuente che riceverà le lettere dovrà verificare l’eventuale irregolarità della sua posizione, e fornire eventuali elementi fino ad ora sconosciuti che possono far mutare la situazione.

Lettere Agenzia delle Entrate: ecco le informazioni incluse

AGENZIA DELLE ENTRATE

Vediamo ora nel dettaglio quali sono le informazioni che potrebbero essere eventualmente contenute nelle lettere di compliance dell’Agenzia delle Entrate. Nel dettaglio si tratta di:

  • il codice fiscale;
  • denominazione, cognome e nome del contribuente;
  • numero di comunicazione con l’anno d’imposta e il codice atto;
  • tutti i dati relativi alle operazioni Iva trasmesse in modalità telematica.

A cui si vanno ad aggiungere i dati relativi alle operazioni Iva, ossia:

  • le operazioni imponibili;
  • le operazioni esenti;
  • le operazioni di reverse charge.