Affitti studenti universitari: contratti e agevolazioni fiscali

27/07/2021

Con il ritorno quasi certo delle lezioni in presenza, molti studenti universitari dovranno attivarsi per trovare, ove necessario, una casa in affitto. Ma cosa c’è da sapere sul contratto d’affitto per studenti universitari? Scopriamo insieme tutti i dettagli.

hands-of-agent-and-client-shaking-hands-after-signed-contract-buy-new-apartment-min

I mesi estivi, fino ad arrivare ai primi d’ottobre per i più ritardatari, sono giorni caldi sul fronte locazione per gli studenti universitari. Spesso, sia i proprietari degli immobili che gli studenti, s’interrogano su quale sia la tipologia di contratto migliore da utilizzare (ovviamente escludendo le vie illegali).

Cerchiamo di scoprire insieme tutto ciò che c’è da sapere sugli affitti per gli studenti universitari.

Contratto d’affitto studenti: ecco tutte le regole

closeup-shot-of-a-person-thinking-of-buying-or-selling-a-house-min

Il contratto di affitto per studenti è disciplinato da un’apposita legge, la n. 431 del 1998, con la quale sono state introdotte specifiche agevolazioni sulla tassazione e regole in merito alla durata.


Leggi anche: Scadenze fiscali giugno 2021: IMU e imposte

La disciplina di tale contratto, prevede delle agevolazioni pensate apposta per le fattispecie legate allo studio in una città nuova, in particolare riguardo alla durata. Il contratto transitorio per studenti universitari ha una durata minima di 6 mesi e massima di 3 anni, con rinnovo automatico per lo stesso periodo alla prima scadenza.

Nota negativa per il proprietario è che il canone mensile da pagare non potrà essere deciso esclusivamente da quest’ultimo, ma dovrà essere pattuito con lo studente. D’altro canto vi sono però dei vantaggi fiscali: con il contratto per studenti è possibile optare per il regime fiscale della cedolare secca, con aliquota al 10%.

Le agevolazioni fiscali nel dettaglio

closeup-of-business-woman-making-notes-in-document-min (1)

Vi riportiamo, di seguito, le agevolazioni fiscali inerenti al contratto di affitto per studenti:

  • il reddito imponibile dei fabbricati locati è ulteriormente ridotto del 30% a condizione però che nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno in cui si intende usufruire della agevolazione in oggetto vengano indicati gli estremi di registrazione del contratto di locazione, l’anno di presentazione della dichiarazione IMU, il comune in cui è ubicato l’immobile;
  • in merito all’IMU, l’aliquota stabilita dal Comune è ridotta del 75%.

 

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica