Ape sociale 2022: tutte le novità

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
29/12/2021

Nel 2022, stando a quanto si legge nella nuova Legge di Bilancio, l’Ape Sociale verrà profondamente modificato, contendo a molte più persone di potervi accedere. Scopriamo tutte le novità e i nuovi requisiti per accedervi.

Orlando_1200

L’Ape sociale nel 2022 non verrà solo confermato, ma verrà anche rafforzato, andandone a confermare l’utilità e l’importanza per il mondo del lavoro. In particolare, sarà allargato l’orizzonte di azione, permettendo a molte più categorie di lavoratori di accedervi.

Ape Sociale sta ad indicare “Anticipo Pensionistico“, ad accedervi però saranno solo determinate categorie di lavoratori: con la nuova Legge di Bilancio il numero di queste verrà allargato. Scopriamo insieme tutte le novità per l’Ape sociale 2022.

Ape sociale 2022: ecco i nuovi requisiti

Lavoro

Oltre alle mansioni gravose, che analizzeremo in seguito, a subire modifiche sono stati anche i requisiti. Il requisito principale è quello dell’età: devono infatti essere stati compiuti i 63 anni di età. Inoltre bisogna far parte di una delle seguenti categorie:

  • disoccupati che hanno terminato, al momento della domanda, di ricevere le prestazioni per gli ammortizzatori sociali da almeno 3 mesi. Il requisito contributivo è di almeno 30 anni. Attenzione: dal 1° gennaio 2022 il requisito dei 3 mesi non viene più richiesto in quanto abolito dalla Legge di Bilancio;
  • soggetti con invalidità civile pari o superiore al 74% con almeno 30 anni di contributi;
  • persone che assistono parenti di primo grado con disabilità grave. Servono però almeno 30 anni di contributi i cosiddetti caregiver;
  • lavoratori occupati in attività gravose con almeno 36 anni di contributi. Questi per beneficiare dell’anticipo pensionistico gratuito devono dimostrare di aver svolto un’attività gravosa per almeno 6 anni negli ultimi 7 o per almeno 7 negli ultimi 10.

Ape sociale: ecco le nuove mansioni gravose

Lavoro, Triste

La Legge di Bilancio è intervenuta soprattutto sull’ampliare il numero delle mansioni gravose, consentendo così a più soggetti di usufruire dell’Ape sociale. Le nuove mansioni sono state selezionate da un’apposita commissione, seguendo dati statistici elaborati dall’ISTAT. Queste nel dettaglio sono:

  • 2.6.4 – Professori di scuola primaria, pre–primaria e professioni assimilate;
  • 3.2.1 – Tecnici della salute;
  • 4.3.1.2 – Addetti alla gestione dei magazzini e professioni assimilate;
  • 5.3.1.1 – Professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali;
  • 5.4.3 – Operatori della cura estetica;
  • 5.4.4 – Professioni qualificate nei servizi personali ed assimilati;
  • 6 – Artigiani, operai specializzati, agricoltori;
  • 7.1.1 – Conduttori di impianti e macchinari per l’estrazione e il primo trattamento dei minerali;
  • 7.1.2 – Operatori di impianti per la trasformazione e lavorazione a caldo dei metalli;
  • 7.1.3 – Conduttori di forni e altri impianti per la lavorazione del vetro, della ceramica e di materiali assimilati;
  • 7.1.4 – Conduttori di impianti per la trasformazione del legno e la fabbricazione della carta;
  • 7.1.5 – Operatori di macchinari e di impianti per la raffinazione del gas e dei prodotti petroliferi, per la chimica di base e la chimica fine e per la fabbricazione di
  • prodotti derivati dalla chimica;
  • 7.1.6 – Conduttori di impianti per la produzione di energia termica e di vapore, per il recupero dei rifiuti e per il trattamento e la distribuzione delle acque;
  • 7.1.8.1 – Conduttori di mulini e impastatrici;
  • 7.1.8.2 – Conduttori di forni e di analoghi impianti per il trattamento termico dei minerali;
  • 7.2 – Operai semiqualificati di macchinari fissi per la lavorazione in serie e operai addetti al montaggio;
  • 7.3 – Operatori di macchinari fissi in agricoltura e nella industria alimentare;
  • 7.4 – Conduttori di veicoli, di macchinari mobili e di sollevamento;
  • 8.1.3 – Personale non qualificato addetto allo spostamento e alla consegna merci;
  • 8.1.4 – Personale non qualificato nei servizi di pulizia di uffici, alberghi, navi, ristoranti, aree pubbliche e veicoli;
  • 8.1.5.2 – Portantini e professioni assimilate;
  • 8.3 – Professioni non qualificate nell’agricoltura, nella manutenzione del verde, nell’allevamento, nella silvicoltura e nella pesca;
  • 8.4 – Professioni non qualificate nella manifattura, nell’estrazione di minerali e nelle costruzioni.