Assegno di inclusione: nuovo click day in arrivo

Il click day per l’assegno di inclusione che molte famiglie italiane stanno aspettando e che era previsto per il prossimo primo gennaio potrebbe essere anticipato: è quanto ha anticipato il governo italiano, per evitare che i cittadini perdano un’intera mensilità dell’assegno. Vediamo insieme i dettagli.

pexels-pixabay-259251 (1)

Il click day per il tanto atteso assegno di inclusione potrebbe presto cambiare: la data prevista per l’assegno era quella del primo gennaio 2024, tuttavia il governo starebbe vagliando delle nuove ipotesi a riguardo. La possibilità più prossima è quella di anticipare l’invio delle istanze. Tale cambiamento consentirebbe ai cittadini un grande vantaggio: quello di non perdere un’intera mensilità del sussidio.

L’assegno di inclusione è una misura di contrasto alla povertà che è stata fortemente voluta da Marina Calderone, ministra del Lavoro, e che include anche coloro che da un giorno all’altro si sono ritrovati esclusi dalla fruizione del Reddito di Cittadinanza, sospeso dal governo Meloni. Secondo le ultime ipotesi, il click day per la richiesta del sussidio potrebbe essere anticipato dal 1 gennaio al 18 dicembre 2023.

Si tratta di una modifica importante, che secondo i calcoli dell’INPS dovrebbe riguardare ben 737400 nuclei familiari italiani.

Assegno di inclusione: così i beneficiari guadagneranno una mensilità in più

Naspi-2022

Ma chi sono i beneficiari di questo sussidio introdotto dal nuovo governo? Sono nuclei familiari con un reddito basso, o che hanno a carico disabili, minori o over 60, nonché soggetti seguiti dai servizi sociali. Per accedere al sussidio é obbligatorio sottoscrivere il Patto di attivazione digitale. La domanda si può effettuare tramite il sito dell’INPS o tramite CAF o patronato.

I cittadini i cui requisiti rientrassero nei parametri richiesti potranno ritirare la Carta di inclusione emessa da Poste italiane. Il sussidio è destinato a soggetti la cui reimmissione nel mondo del lavoro risulta difficile, l’assegno può arrivare fino a un massimo di 6mila euro l’anno in base al numero di persone del nucleo familiare, e fino a un massimo di 3360€ euro l’anno per le spese di affitto.

Il contributo viene erogato fino a 18 mesi, ed è poi rinnovabile per altri 12 mesi dopo una sospensione di un mese. Se l’anticipo del click day venisse confermato, sarà possibile presentare la domanda a partire dal 18 dicembre.

 

Lascia un commento