Assegno unico 2021: quando arrivano i pagamenti

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
03/10/2021

Per tutti coloro che hanno fatto domanda per l’assegno unico entro Settembre, ma ancora non hanno ricevuto il pagamento, ci sono delle novità riguardo alla data del pagamento. Quest’ultima, infatti, è stata recentemente comunicata dall’Inps: scopriamo i dettagli.

3687827

L’assegno unico per i figli è l’aiuto economico che spetta alle famiglie in difficoltà, con almeno un figlio minore a carico. Per tutti coloro che hanno fatto domanda entro Settembre ma ancora non hanno ricevuto il pagamento, è stata resa nota da poco una data da parte dell’Inps.

Si ricorda inoltre che la scadenza per fare domanda per l’assegno unico temporaneo per i mesi di Luglio 2021 fino al 31 Dicembre 2021, è stata spostata dal 30 Settembre 2021 al 31 Ottobre 2021.

Assegno unico: ecco la data del pagamento per chi non lo ha ricevuto

Big family walking outdoorsL’Inps ha reso noto che l’assegno unico per chi ha fatto domanda, ma ancora non ha ricevuto le somme, arriverà entro la data del 5 Ottobre 2021. Sono stati comunicati anche i dati sulle domanda pervenute al 29 Settembre: 492mila domanda, pari a 893mila assegni da versare. Quest’ultimi sono così divisi:


Leggi anche: Assegno unico figli 2022: importi e pagamenti

  • 328mila già pagati;
  • oltre 200mila sono già stati autorizzati al pagamento.

Entro il 5 Ottobre è inoltre prevista l’autorizzazione al pagamento di altri 180mila assegni e ciò potrebbe far slittare la data di effettivo pagamento ancora di qualche giorno.

Assegno unico 2022: ufficiale la conferma

5852-minIl programma di assistenza economica assegno unico rimarrà in vigore anche per il prossimo anno, come comunicato dal Consiglio dei Ministri che ne ha certificato l’estensione al 2022.

A questa si aggiunge la nota del Def che afferma:

“gli interventi di politica fiscale che il governo intende adottare determinano un rafforzamento della dinamica espansiva del Pil nell’anno in corso e nel successivo. Rilevano in particolare la conferma delle politiche invariate e il rinnovo di interventi in favore delle Pmi e per la promozione dell’efficientamento energetico e dell’innovazione. Si avvia inoltre la prima fase della riforma dell’Irpef e degli ammortizzatori sociali e si prevede che l’assegno unico universale per i figli sia messo a regime.”