Assegno unico 2022: come funziona per i figli maggiorenni?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
14/04/2022

L’assegno unico e universale viene riconosciuto fino al ventunesimo anno di età e la richiesta per l’agevolazione può essere presentata anche dal figlio o dalla figlia maggiorenne, purché in possesso di ulteriori requisiti, oltre a quelli base. Vediamo insieme come funziona.

composition-for-family-concept-on-blue-background-minLa domanda per l’assegno unico e universale può essere presentata anche dal figlio e dalla figlia maggiorenne. Infatti, l’agevolazione per le famiglie con i figli a carico può essere richiesta dal 7° mese di gravidanza fino al compimento dei 21 anni. Tuttavia, per poterne usufruire una volta raggiunte la maggiore età è necessario rispettare altri requisiti rispetto a quelli di base.

Vediamo insieme come funziona.

Assegno unico 2022: i requisiti per i maggiorenni

Big family walking outdoorsL’assegno unico e universale è la nuova misura introdotta a sostegno delle famiglie con i figli a carico nel 2022. L’agevolazione viene riconosciuta dal 7° mese di gravidanza fino al compimento die 21 anni e comprende un importo che va da un massimo di 175 euro a figlio in presenza di un ISEE inferiore a 15.000 euro a un minimo di 50 euro con ISEE pari o sopra i 40.000 euro o in assenza di ISEE, senza considerare le maggiorazioni riconosciute in specifiche situazioni.

Per poter usufruire dell’assegno unico dopo il compimento della maggiore età e fino ai 21 anni, è necessario trovarsi in una delle seguenti condizioni:

  • frequentare un corso di formazione o professionale o universitario;
  • svolgere un tirocinio o un’attività lavorativa con reddito inferiore a 8.000 euro annui;
  • aver effettuato la registrazione come disoccupati/e e in cerca di un lavoro presso i servizi pubblici per l’impiego;
  • svolgere il servizio civile universale.

In caso di disabilità, non subentrano nuovi requisiti e il sostegno economico è riconosciuto senza limiti di età.

Come fare domanda?

Happy family with kid sitting on sofa and watching newsSuperata la maggiore età, la richiesta per l’assegno unico e universale può essere fatta sia dal genitore che dal figlio o dalla figlia. Nel caso in cui quest’ultimi vogliano presentare domanda, è possibile procedere anche se è già stata presentata dal genitore, la cui richiesta viene annullata e sostituita.

Per procedere è necessario accedere al servizio online disponibile sul portale INPS tramite  SPID almeno di livello 2, Carta di Identità Elettronica 3.0 (CIE) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Nella homepage dell’area dedicata all’assegno unico è necessario selezionare “nuova domanda come figlio maggiorenne” e indicare i seguenti dati:

  • svolgimento di una delle attività che danno diritto a ricevere i benefici fino ai 21 anni;
  • convivenza con i genitori;
  • codice fiscale dei genitori.

Quando a presentare domanda è il figlio o la figlia maggiorenne, il pagamento dell’assegno unico viene erogato direttamente sul conto corrente di chi effettua la richiesta, e in questo caso:

…l’IBAN deve essere intestato al figlio maggiorenne che richiede la prestazione o cointestato a lui.